A- A+
Politica
Coronavirus,si temono le uscite di massa.Solo dopo Pasqua una lenta ripartenza

Coronavirus, si temono le uscite di massa. Solo dopo Pasqua una lenta ripartenza
 

Il Coronavirus costringe gli italiani a casa. Solo negli ultimi giorni si è registrato un numero di contagiati in diminuzione, ma è ancora troppo presto per aprire le attività e permettere alla gente di uscire. Gli esperti del Comitato tecnico-scientifica della Protezione civile sono a lavoro - si legge su Repubblica - si studiano una serie di misure per riaprire il Paese, partendo dalle industrie dopo essersi confrontati anche con sindacati e imprese. Comunque molte delle misure di chiusura potrebbero essere mantenute fino al 4 maggio, anche tenendo conto dei ponti che ridurranno molto i giorni lavorativi. Il governo teme i festivi per possibili uscite di massa.

Ci sono due questioni preliminari da affrontare. Una riguarda le app per il tracking, delle quali nel pomeriggio si è discusso anche a Palazzo Chigi tra tecnici di vari ministeri. Si tratta di strumenti che permettono di comunicare a tutti i contatti di un caso sospetto o accertato che sono in pericolo e devono mettersi in quarantena, e che potrebbero essere usati per dare il via libera all’uscita a chi appunto non ha rischi infettivi. Servono quindi anche ad accorciare le misure di chiusura. Il Garante della privacy avrebbe dato un via libera preliminare (se vengono utilizzate solo per l’emergenza) al loro utilizzo.

Inoltre, il presidente del Consiglio superiore di sanità, Franco Locatelli, ha parlato di studi di sieroprevalenza per identificare chi è immunizzato dalla malattia perché l’ha già presa, magari senza accorgersene, così da riavviarlo al lavoro. Quando sarà possibile - conclude Repubblica - si apriranno le fabbriche. Più avanti potrebbe toccare a certi negozi, dove non c’è un contatto stretto con i clienti, e poi a bar e ristoranti, che dovranno comunque rispettare le regole di distanziamento. Non si esclude di tenere gli anziani e i fragili e a casa un po’ più a lungo e anche di permettere ai bambini di uscire a fare passeggiate ma in sicurezza. Per ultimi toccherebbe a cinema e teatri mentre per le scuole ancora non si nulla. Si tratta comunque ancora di ipotesi, di provvedimenti sui quali si sta lavorando e si lavorerà ancora per alcuni giorni. Sempre guardando la curva dei contagi quotidiani. Perché se non scende quella, difficilmente le riaperture arriveranno presto.

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirusemergenza coronaviruscoronavirus newscoronavirus italiacoronavirur riaperturecoronavirus italianicoronavirus quando si torna a lavorocoronavirus governocoronavirus data rientro
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Fase 2, gli sconfitti sono i cani Nostalgia delle uscite in lockdown

    Coronavirus vissuto con ironia

    Fase 2, gli sconfitti sono i cani
    Nostalgia delle uscite in lockdown

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

    Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida

    BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.