A- A+
Politica
Dal M5s 80mila euro agli altri partiti, tutto per spingere la campagna del Sì

La denuncia arriva da un post Facebook dell’ex M5s Marco Rizzone che scrive: "W la trasparenza. Ecco come il gruppo parlamentare M5s Camera sperpera i soldi pubblici... Lascio a voi i commenti... Per fortuna almeno Facebook è trasparente". Parole alle quali Rizzone aggiunge uno screenshot che rimanda alla pagina Fb “iovotosì”, con tanto di foto di Matteo Salvini che abbraccia la campagna referendaria per il taglio dei parlamentari, ma anche con tanto di indicazione dello sponsor in chiaro. Una sponsorizzazione, appunto, made M5s. Un veloce giro in rete e, complice la Libreria inserzioni del social network - attraverso la quale Faccialibro rende trasparenti tutte le inserzioni -, si scopre che in realtà sulla pagina "iovotosì", quel post di Salvini non è l’unico sponsorizzato dal gruppo Cinque stelle alla Camera con una spesa di 100 euro. C’è anche un video, per esempio, pubblicato oggi stesso, di cui è protagonista lo stesso leader della Lega, dal titolo “La Lega ha una faccia sola”. Questa volta il range di spesa indicato va dai 100 ai 199 euro. E che dire della sponsorizzazione concessa dai pentastellati a Giorgia Meloni? Nell’inserzione, costata al M5s Camera 100 euro, campeggiano la foto della leader di Fratelli d’Italia e lo slogan: “Sosterremo il sì al referendum”. “Di inserzione in inserzione - spiffera una fonte parlamentare M5s - sono stati spesi 80 mila euro così. Non è accettabile”. E, in effetti, la vicenda ha già messo in fibrillazione il gruppo parlamentare a Montecitorio. Un insider pentastellato si sfoga a brutto muso e punta l’indice contro il direttivo: “Non bastava il caos che ha creato con la partita delle presidenze di Commissione. Va bene la nostra battaglia per il referendum, ma da qui a fare anche pubblicità per gli altri partiti ce ne passa”.  Il deputato Luigi Gallo, intercettato da Affaritaliani, si limita a dire: “So che il direttivo del gruppo parlamentare della Camera è estraneo a tutto questo e sta chiedendo spiegazioni ai dipendenti della comunicazione”. Non senza aggiungere, però: “Se ci fosse un colpevole tra i nostri dipendenti ne chiederei subito le dimissioni”. Intanto il M5s Camera, interpellato dal nostro giornale, fa sapere che “con questa campagna il Movimento ha voluto ricordare che la riforma è di tutti gli italiani" e che "è arrivata grazie al voto in Parlamento di quasi tutte le forze politiche e dei loro leader che anche in queste ore hanno ribadito la loro posizione. Quella pagina rappresenta, quindi, in vista di un momento importante per la vita democratica del Paese, uno spazio aperto alle voci per il Sì, al di là di ogni steccato politico o partitico”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    referendumm5svotosalvinimeloni
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    L'Arma deri Carabinieri arruola 52 Nissan Leaf

    L'Arma deri Carabinieri arruola 52 Nissan Leaf


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.