A- A+
Politica

Il grillino Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, nel dibattito a Montecitorio sull'Italicum, ha definito "miserabili" i deputati del PD, provocandone le accese proteste. “Che miserabbili!”. Con questa espressione sdegnata, raddoppiando le "b", colui che, a lungo, fu considerato la coscienza critica del mondo laico, e della sinistra democratica, in Italia, prima tra i fondatori del Partito d'Azione e poi leader del PRI, Ugo La Malfa, siciliano, definiva quelli, non pochi, che considerava "ignorantoni, mistificatori e imbroglioncelli, grandi e piccoli".

Il giudizio di La Malfa, etico prima che politico, implicava che, con gente di quella risma, fosse meglio non averci a che fare. Di Maio non ha conosciuto don Ugo, grande amico di Indro Montanelli. Nato nel 1903, il segretario del PRI si spense nel 1979, cioè 7 anni prima che nascesse il ventinovenne deputato napoletano del M5S. Molto severo sulle linee seguite, in politica economica, da tanti governi, una volta, La Malfa disse ad un suo grande amico, Antonio Maccanico, a lungo segretario generale della Camera e poi ministro: "Caro Tonino, non ti illudere, le quattro o cinque misure, che hanno rovinato l'Italia, le abbiamo già prese. Non ci possiamo fare più niente, siamo condannati...".

Tags:
di maiopdmatteo renzi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.