A- A+
Politica
Dottrina Mitterrand? Una macchia. Letta esulta, ma a Parigi non ha fatto nulla
Enrico Letta  (fonte Lapresse )

Luigi Calabresi, capo della squadra politica della Questura di Milano, venne ucciso da uno spietato commando di Lotta Continua, il 17 maggio 1972.Ieri, ben 49 anni dopo l’agguato al padre di Mario, ex direttore de “La Repubblica”, a Parigi, sono stati arrestati sette ex terroristi Italiani. Tra loro, Giorgio Pietro stefani, 77 anni, fondatore, con Adriano Sofri, 78 anni, di Lotta Continua, che venne condannato a 22 anni, come mandante dell’omicidio del valoroso funzionario di polizia. Ha detto Mario Calabresi: “Non provo soddisfazione nel vedere Pietrostefani, vecchio e malato, in cella, dopo così tanto tempo”.

Anche Letta, PD, ha esultato, ma nel lungo periodo, in cui soggiornò in Francia, non mosse un dito per incontrare i ministri della Giustizia dei governi di Jean Castex e prima di EPhilippe_LH per sollecitar le manette ai nostri sanguinari connazionali. E il leader del PD, nel suo tweet, non ha citato e i nomi e i cognomi dei cattivi maestroni ex “Lotta Continua”.

Adriano Sofri, che ha scontato la pena inflittagli, ha affermato che le condizioni di salute di Pietrostefani sono abbastanza serie, motivo per cui il legale, che lo assiste, provvederà, presto, ad informare il giudice. Pietrostefani, fra l'altro, avrebbe in previsione un intervento chirurgico, da effettuare in un ospedale francese.Sinora, i “compagni terroristi” non erano mai stati fermati grazie alla “dottrina Mitterrand”, i cui principi sono stati difesi, di recente, su “Le Monde”, in un appello, firmato da numerosi intellettuali francesi.

Soddisfatto per gli arresti  Matteo Salvini : “Dopo l’intervento della Lega, nel 2019, al governo - tanto da aver dato la caccia a Cesare Battisti, catturato in Bolivia - ora la ritrovata autorevolezza del nostro Paese ci consente di festeggiare un altro successo”.

Spetta al governo Draghi, dopo l’esultanza di ieri e il grazie a Macron, sollecitare i colleghi francesi a concedere l’estradizione, rapida, degli arrestati. Sul piano storico e politico, la “dottrina Mitterrand” resterà come una macchia sui 14 anni all’Eliseo dello statista francese più importante del 1900, dopo Charles de Gaulle. Eppure, sui diritti civili e sulla giustizia, al leader socialista si devono provvedimenti importanti. In primis, l’abolizione, nel 1981, della pena di morte, dopo i tre francesi ghigliottinati durante il settennato, all’Eliseo, di Valéry Giscard d’Estaing.

Commenti
    Tags:
    dottrina mitterandlettaparigi
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Il WWF lancia l'allarme leoni Popolazione crollata del 90%

    Green

    Il WWF lancia l'allarme leoni
    Popolazione crollata del 90%

    i più visti
    in vetrina
    Meteo choc, in arrivo fortti piogge con rischio nubifragi. Niente caldo

    Meteo choc, in arrivo fortti piogge con rischio nubifragi. Niente caldo


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia

    Nuovo Skoda Kodiaq, ordinabile in Italia


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.