Advertisement
A- A+
Politica
Emilia, Salvini si metta il cuore in pace... Bonaccini perde? Governo avanti

Tanto che tuonò che non piovve. E' la frase che in molti potrebbero utilizzare lunedì 27 gennaio, all'indomani delle elezioni regionali, se Lucia Borgonzoni e il Centrodestra a trazione leghista dovessero vincere anche in Emilia Romagna, visto che il successo di Jole Santelli in Calabria appare molto probabile. Fonti ai massimi livelli del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle assicurano ad Affaritaliani.it che in qualunque caso, anche con una clamorosa sconfitta di Stefano Bonaccini, non ci saranno ripercussioni sul governo nazionale. Al Nazareno sono comunque fiduciosi e sperano che alla fine l'ex Regione rossa non passi nella mani della destra sovranista, ma nelle riunioni tra il segretario Nicola Zingaretti, il vice-segretario Andrea Orlando e i due capigruppo Andrea Marcucci e Graziano Delrio sono stati vagliati tutti gli scenari, compreso quello di una vittoria di Borgonzoni.

Nessuno, secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, ha preso in considerazione l'ipotesi di staccare la spina all'esecutivo Conte e di correre alle elezioni politiche anticipate. Certamente nel Pd sanno che dalla Lega e da Fratelli d'Italia arriverebbe un pressing politico e mediatico fortissimo, come era stato dopo le Regionali in Umbria, ma al tempo stesso sono anche convinti che dopo qualche settimana tutto verrà dimenticato. Nessuno ha voglia di votare, è il leit motiv che arriva dai vertici dem, anche perché sia la situazione internazionale sia quella interna richiedono stabilità.

La guerra in Libia, le tensioni Iran-Usa, la crisi in Siria e in Iraq - solo per fare qualche esempio - spingono a mantenere sangue freddo e non lasciarsi andare a colpi di testa. Sul piano economico c'è poi tutta la questione ancora aperta dell'allargamento della platea dei beneficiari del taglio del cuneo fiscale, mossa con la quale il Pd è convinto di poter recuperare nei sondaggi, senza dimenticare la questione giustizia/prescrizione da risolvere e la legge elettorale proporzionale con sbarramento al 5% che ha appena iniziato il suo iter in Parlamento.

Anche dal M5S arriva la rassicurazione che nulla cambierà dopo il 26 gennaio. Semmai il pericolo viene dalle continue defezioni tra i pentastellati, di oggi la notizia dell'uscita del senatore Luigi Di Marzio, ma si tratta di un fronte indipendente dall'esito della sfida elettorale tra Borgonzoni e Bonaccini. C'è poi Italia Viva, che sulla prescrizione ha deciso di schierarsi con le opposizioni, così come il voto sul processo a Matteo Salvini per il caso della nave Gregoretti. Tutti temi spinosi e divisivi, mine sul cammino della maggioranza, ma che comunque non sono collegati al voto in Emilia Romagna e in Calabria. Anzi, dai renziani assicurano che un'eventuale sconfitta di Bonaccini altro non farebbe che rinsaldare il legame tra i partiti di governo e, a quel punto, il timore dell'arrivo di Salvini (e Meloni) al governo allontanerebbe e non avvicinerebbe lo scioglimento delle Camere e il voto anticipato.

Loading...
Commenti
    Tags:
    governo elezioni emilia romagnam5s pd emilia romagna
    Loading...
    in evidenza
    Meghan-Harry, vince la Regina Addio al marchio Sussex Royal

    Royal Family News

    Meghan-Harry, vince la Regina
    Addio al marchio Sussex Royal

    i più visti
    in vetrina
    ELISABETTA CANALIS A SENO SCOPERTO PER LA MILANO FASHION WEEK 2020. Foto delle Vip

    ELISABETTA CANALIS A SENO SCOPERTO PER LA MILANO FASHION WEEK 2020. Foto delle Vip


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nissan Navara N-Guard,look moderno ed esclusivo

    Nissan Navara N-Guard,look moderno ed esclusivo


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.