A- A+
Politica
Fico, la colf in nero, la precisazione del portavoce del presidente
Foto LaPresse

Avevo 33 anni quando nella cornice fantastica delle Scuderie Granducali di Seravezza (Lucca) Nonna Betta, moglie di Antonino Caponnetto, mi regalò una dedica impressa direttamente sul suo libro "Eroe contromano in difesa della legalità": "Marco porta sempre avanti i valori che coltivi ed in cui il nonno credeva volontà, forza, coraggio, purezza, amore".

Fu il più grande onore della mia vita il fatto che Nonna Betta riscontrasse in me simili ideali e sentimenti.

I più giovani non lo sapranno, ma Caponnetto fu colui che guidò il Pool Antimafia, lo stesso di Falcone e Borsellino e grazie al suo lavoro si svolse il noto maxiprocesso che portò all'arresto ed alla condanna di centinaia di mafiosi, l'intera Cupola siciliana (e non solo) fu decapitata.

Stimolato dal riconoscimento della signora Caponnetto pochi anni dopo cercai di combinare qualcosa di concreto e mi iscrissi ad una associazione che si occupava di contrasto alla criminalità organizzata e che portava nel nome il termine "Legalità"; ben presto me ne andai comprendendo che questo gruppo, come probabilmente altri simili, non era altro che una anticamera, l'ennesimo pollaio d'allevamento, per giovani arrivisti del Partito Democratico (tutti con le stesse facce delle attuali sardine).

Chiusi l'esperienza nonostante avessi la possibilità di dirigere sull'intera costa Toscana un mio "distaccamento".

Sono rimasto profondamente amareggiato nell'apprendere che (in questi tempi bui) il "Premio Borsellino" è stato conferito al Presidente della Camera Roberto Fico: ciò è avvenuto pochi giorni dopo che il giudice ha dichiarato quest'ultimo colpevole di non aver pagato i contributi alla Colf (evasione).

Le associazioni dietro questo premio gli hanno riconosciuto "impegno per la legalità" (http://www.napolitoday.it/politica/roberto-fico-premio-borsellino.html; https://www.lasicilia.it/take/ultima-ora/307758/mafia-a-fico-il-premio-borsellino-2019-2.html ).

Il Presidente Fico ha dichiarato che non si fermerà mai...io penso invece che si dovrebbe fermare immediatamente (dimettere).

Purtroppo ho perso l'articolo con la lista dei decisori di questo premio ma ricordo erano coinvolte diverse associazioni tra cui alcune riguardanti il mondo della Scuola (Dirigenti scolastici ecc).

Ps:

Il M5s attacca (giustamente) gli evasori ed espelle chi si macchia di simili condotte: perché Roberto Fico è ancora lì e nessuno lo rimarca?

Ma ancora peggio: come mai i grandi giornalisti non hanno rilevato l'inopportunità del conferimento del premio a Fico?

LA PRECISAZIONE DEL PORTAVOCE DEL PRESIDENTE FICO

Egr. Direttore,

in riferimento all’articolo del suo giornale dell’5 dicembre dal titolo "Fico ha la colf in nero. E lo premiano. Si dimetta" a firma Marco Giannini il portavoce del presidente della Camera dei deputati precisa:

Il presidente Fico non ha nessuna colf in nero, non c'è nessun giudice che lo abbia statuito, né dunque ha commesso alcun reato. Non risponde quindi in alcun modo al vero che un giudice avrebbe dichiarato il presidente Fico colpevole di non aver pagato i contributi alla colf, dunque di evasione.

Il ragionamento che ne deriva si basa quindi su una notizia errata.


LA CONTROREPLICA DELL'AUTORE AL PORTAVOCE DEL PRESIDENTE FICO

Felicissimo di poter delineare ancor più la vicenda, replico al portavoce del Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico che, ricordo, ha fatto pervenire questa precisazione alla redazione (già prontamente e correttamente apparsa sulle nostre colonne e che lealmente ripropongo):

"Egr. Direttore,in riferimento all’articolo del suo giornale dell’5 dicembre dal titolo "Fico ha la colf in nero. E lo premiano. Si dimetta" a firma Marco Giannini il portavoce del presidente della Camera dei deputati precisa:

Il presidente Fico non ha nessuna colf in nero, non c'è nessun giudice che lo abbia statuito, né dunque ha commesso alcun reato. Non risponde quindi in alcun modo al vero che un giudice avrebbe dichiarato il presidente Fico colpevole di non aver pagato i contributi alla colf, dunque di evasione.Il ragionamento che ne deriva si basa quindi su una notizia errata".

In realtà il contributo nel pezzo a mia firma è limitato a questa frase "ciò è avvenuto pochi giorni dopo che il giudice ha dichiarato quest'ultimo colpevole di non aver pagato i contributi alla Colf (evasione)": non è un caso non abbia parlato di condanna perché Fico non è stato processato; allo stesso modo il termine evasione era messo in parentesi perché "non pagare i contributi alla Colf è sicuramente evasione fiscale" e non per altro motivo.Il punto è che se il giudice avesse considerato un reato affermare che Fico aveva la colf in nero la querela avrebbe fatto il suo corso invece è stata cestinata.

Allego perciò le fonti consultate lasciando ai lettori (e al Presidente Fico) la libertà di farsi una opinione in merito.

https://www.liberoquotidiano.it/news/politica/13517260/roberto-fico-iene-colf-nero-yvonne-de-rosa-napoli-sentenza-tutto-vero-m5s-evasione-fiscale-manette.html.

https://voxnews.info/2019/12/01/colf-in-nero-e-clandestino-fico-perde-la-causa-non-ha-pagato-le-tasse/

https://www.giornalettismo.com/colf-fico-querele-respinta-iene/

http://www.ilgiornale.it/news/politica/parola-tribunale-colf-fico-nero-vizietto-dei-big-grillini-1770863.html

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    ficofico colf in nerofico premiatoroberto ficoroberto fico colf
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design

    Opel Astra Sports Tourer fa un salto nell’era elettrica e del design


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.