A- A+
Politica
Frasi choc sullo stupro della ragazza polacca: cosa dice ora la Boldrini?

Lo stupro è un atto peggio (sic), ma solo all’inizio, una volta si entra il pisello poi la donna diventa calma e si gode come un rapporto sessuale normale”, questa la frase choc di un “mediatore culturale”, tal Abid Jee che sta a Bologna e studia addirittura Giurisprudenza, ma di prudenza ne ha ben poca, visto quello che è riuscito a scrivere su Facebook dopo lo stupro sulla spiaggia della giovane polacca a Rimini.

Naturalmente il signor Abid è stipendiato da una cooperativa (ora è sospeso: è il minimo) e dovrebbe “mediare” tra la nostra cultura e quella di origine degli immigrati, ma lo fa a modo suo e cioè ripropone il suo modello che poi è, fatte le dovute eccezioni, quello delle terre di origine, di una donna - oggetto di piacere dell’uomo che, però, purtroppo, qualche volta, se non gli hanno tagliato bene i pezzi giusti alla nascita, potrebbe anche lei provare piacere e quale occasione  migliore per non provare sensi di colpa che durante ad uno stupro? Questo è più o meno il ragionamento che molte persone come Jee si fanno.

Ora partirà la solita bordata di filosofia “isolazionista”: è un caso isolato, non rappresenta certo la maggioranza. Cose già sentite, ma che si ripetono e il caso della bambina inglese cristiana data in affidamento ad una famiglia islamica che la voleva convertire a forza, non aiuta.

Sarebbe allora interessante sentire la Presidente della Camera Laura Boldrini su questa vicenda, visto che si troverà costretta in una terribile morsa: da una parte la sua difesa delle donne (giusta nel merito, sbagliatissima nel metodo) e dall’altra la sua talebana difesa della “cultura” dei migranti. La Boldrini è anche strenua “difensora” delle cooperative e ong che gravitano intorno a quello che è divenuto un vero e proprio business fatto sui migranti stessi e cioè quello della “accoglienza” e della “integrazione”.

Oltretutto il terribile stupro della ragazza polacca, davanti al suo ragazzo, è stato commesso, pare, da nordafricani, non si sa se migranti o no.

Fermo il rispetto della legge che prevede l’accoglienza ai rifugiati politici l’Occidente dovrebbe incominciare a chiedersi se la “cultura” di origine di molti migranti sia accettabile nei nostri Paesi. Una “cultura” che spesso che incita alla violenza religiosa e ha una concezione orribile delle donne e delle minoranze; una cultura che prevede la mutilazione dei genitali delle bambine alla nascita ed altre amenità discriminatorie.

Occorre riflettere ed interrogarsi attentamente su questi temi per la difesa di quei diritti umani che, a parole, gente come la Boldrini vorrebbe difendere ma che per una eterogenesi dei fini conduce all’opposto.

Tags:
stupro ragazza polaccaboldriniabid jee mediatore culturale
Loading...

i più visti

Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

casa, immobiliare
motori
Ferrari 488 GT Modificata, nata per le competizioni

Ferrari 488 GT Modificata, nata per le competizioni


RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.