A- A+
Politica


 

maurizio gasparri

Per ora i deputati del Pdl non si sbilanciano. Ma in Via dell'Umiltà e, soprattutto nella testa di Silvio Berlusconi, c'è un nome che aleggia con sempre maggiore insistenza: quello di Corrado Passera. Potrebbe essere infatti, l'attuale ministro dello Sviluppo economico,  il convitato di pietra dell’incontro tra il Cavaliere e il Capo dello Stato in programma giovedì. Da rumor sempre più insistenti, il leader del Pdl proporrà (come fece dopo il voto anche Affaritaliani.it), il nome di Passera al presidente della Repubblica. Certo, quello dell’ex numero uno di Banca Intesa rimane una carta di riserva visto che l'incarico, a meno di clamorosi colpi di scena, verrà affidato a Pierluigi Bersani. Ma le possibilità che ha il leader del Pd di formare un governo sono poche e lo stato maggiore del Pdl pensa già al piano B e a quella grande coalizione che per ora viene scartata senza tentennamenti da Bersani ma non da un politico navigato come Massimo D'Alema.

Per ora, almeno ufficialmente, dallo stato maggiore del Pdl, non ci sono conferme sul nome di Passera e le bocche rimangono cucite per non bruciarlo. Maurizio Gasparri, senatore del Pdl ed ex capogruppo del partito a Palazzo Madama, intervistato da Affaritaliani.it non smentisce né conferma il rumor, ma si limita a lanciare l'ennesimo appello ai Democratici: "Berlusconi - premette Gasparri -  proporrà a Napolitano le cose che ha già detto pubblicamente. In ogni caso il Pd non può immaginare di monopolizzare le istituzioni e gli incarichi senza avere una legittimazione democratica". Poi ribadisce che il Cavaliere proporrà a Giorgio Napolitano "di fare in modo che ci sia una convergenza delle forze politiche, poi con quali formule e con quali persone sarà tutto da verificare".

Anche se, il senatore, non fa mistero di considerare stretta la via che porta alla costituzione di una grande coalizione: "Il Pd non vuole prendere atto di questa prospettiva e si illude di avere un'autosufficienza  che in Parlamento non ha. Noi facciamo invece un discorso realistico: in questo momento di crisi economica abbiamo bisogno di stabilità e le principali forze politiche devono fare degli sforzi per trovare punti su cui convergere. Se il Pd è disponibile allora si porranno anche le questioni sui nomi. Ma ora – conclude Gasparri - è il momento della sostanza e di guardare alle esigenze del Paese".

Daniele Riosa (@DanieleRiosa)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
passerapdberlusconi
in evidenza
CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

Corporate - Il giornale delle imprese

CDP, ospitato FiCS a Roma
Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare

Con Sensify, Brembo rivoluziona il modo di frenare


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.