A- A+
Politica
Green Pass abolito per tutti. Tra pochi giorni, c'è la data: eccola

Green Pass abolito dal primo aprile, Speranza contrario ma questa volta isolato
 

Abolizione del Green Pass, c'è una data. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, l'orientamente del presidente del Consiglio Mario Draghi - sempre che non ci sia un nuovo peggioramento della situazione epidemiologica - è quello di togliere ogni tipo di restrizione a partire dal primo aprile, ovvero all'indomani della scadenza dello stato di emergenza, prevista per il 31 marzo (misura che non verrà rinnovata). Lo scenario europeo e internazionale va nella direzione di superare le misure anti-Covid e anche in Italia la pressione su Palazzo Chigi è fortissima.

La Lega, come ha spiegato lo stesso Matteo Salvini ad Affaritaliani.it, chiedo che il Green Pass venga eliminato addirittura da subito. Anche Fratelli d'Italia è sulla stessa posizione. Nel Movimento 5 Stelle ci sono numerosi voci che puntano all'abolizione del certificato verde da subito, tanto che si parla di un ordine del giorno che comunque non è condiviso da Giuseppe Conte, che durante l'assemblea dei parlamentari pentastellati ha affermato: "Dire che siamo fuori dalla pandemia non è proprio corretto, stiamo transitando nella fase dell'endemia. E' una prospettiva che ci conforta ma dobbiamo essere tutti d'accordo che non possiamo smantellare le misure di precauzione e protezione sin qui adottate" (Beppe Grillo però spinge per la fine delle restrizioni). Perfino nel Pd emergono voci di un superamento delle misure di contenimento, così come in Forza Italia. Resta il muro del ministro della Salute Roberto Speranza, che vorrebbe un allentamento graduale a partire dal primo aprile per poi arrivare all'abolizione all'inizio dell'estate.

Ma questa volta Speranza rischia di finire isolato. Anche perché l'Italia non può perdere i turisti stranieri e in particolare europei, soprattutto per il ponte di Pasqua (17-18 aprile). Il settore è stato tra i più colpiti da due anni di pandemia e si punta sul 2022 come anno della ripresa. L'ipotesi più probabile, al momento, è quella della fine del Green Pass, ovviamente anche sui luoghi di lavoro, dal primo aprile. L'obbligo dell'uso della mascherina, già caduto all'aperto da venerdì scorso, resterà in vigore solamente in caso di particolare affollamento in ambienti chiusi, come possono essere ad esempio le classi scolastiche o le discoteche. Resterà ovviamente l'invito a completare il ciclo vaccinale con la terza dose per chi ancora non ha fatto il booster, ma senza più penalizzazioni.

 

 

LEGGI ANCHE:

Pensioni, caro energia, Covid e Pnrr: così riparte l'agenda del governo Draghi

Pensioni, bonus contributi ai giovani: ecco come salirà l'assegno

"Salario minimo? Conquista storica": su Affari parla la deputata Ue Rondinelli

 

Commenti
    Tags:
    green pass abolitogreen pass abolizione primo aprile





    in evidenza
    Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

    Guarda il video

    Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

    
    in vetrina
    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

    Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


    motori
    Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

    Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.