A- A+
Politica
Tav, Beppe Grillo condannato a quattro mesi di galera


Beppe Grillo è stato condannato a 4 mesi e al pagamento di 100 euro di multa a Torino per la violazione dei sigilli alla Baita Clarea, un presidio costruito dai No Tav in un area destinata a diventare zona di cantiere per la Torino-Lione e posta sotto sequestro per abuso edilizio nel 2010. Alcune decine di militanti No Tav hanno dato vita in aula a una protesta dopo la lettura della sentenza per la violazione dei sigilli alla baita Clarea. Hanno mostrato foulard con la scritta No Tav urlando "Giù le mani dalla Valsusa". Anche il leader No Tav Alberto Perino è stato condannato a 4 mesi per la violazione dei sigilli della baita Clarea in Valsusa, stessa pena a cui è stato condannato Beppe Grillo. In tutto sono 10 le condanne e 11 le assoluzioni per i 21 imputati. Per Grillo e Perino, i pm avevano chiesto 9 mesi di reclusione.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
tav
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.