A- A+
Politica

Ancora Beppe Grillo contro i media, stavolta con un obiettivo ben definito: L'Unita'. L'accusa: "Stiamo mantenendo con i soldi di tutti i contribuenti un progetto editoriale di propaganda". "E' in rosso per circa 3,5 milioni di euro. Ha subito una perdita di 4,3 milioni del 2011. Lo stesso anno ha ricevuto 3,709 milioni di euro di contributi pubblici, 5,267 milioni di euro per l'anno 2010", ricapitola Grillo dal suo blog, aggiungendo che il quotidiano "ha un debito che a fine 2011 era di 21,22 milioni di euro: dei quali piu' di 8 nei confronti dei fornitori". Il motivo della stoccata e' esplicitato in coda al post: "La prima pagina de L'Unita' di oggi lo testimonia e in rete e' stata inizialmente scambiata per un fotomontaggio: 'Patto Grillo - Berlusconi: fermare il cambiamento'". La fotonotizia sul blog grillino e' corredata dalla riproduzione della prima pagina del quotidiano.

Tags:
grillounità
in evidenza
Lo scivolone di Burioni su Twitter: "Si scrive valige, non valigie"

Il tweet del virologo fa discutere

Lo scivolone di Burioni su Twitter: "Si scrive valige, non valigie"


in vetrina
Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla

Malocclusione dentale: cos’è, quali sono le sue conseguenze e come trattarla


motori
Dacia, iniziata pa produzione del primo Jogger Hybrid 140

Dacia, iniziata pa produzione del primo Jogger Hybrid 140

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.