A- A+
Politica
Siri, i pm: "Investimenti per coprire soldi sporchi"
Foto: LaPresse

"Somme di provenienza delittuosa (…) utilizzate per investimenti economici con il preciso intento di dissumularne l’origine”. Così il Tribunale del Riesame di Milano riassume la posizione della Procura sulla condotta del senatore della Lega Armando Siri, indagato per autoriciclaggio in relazione a un mutuo ottenuto dalla Banca agricola di San Marino. Il passaggio, come riporta Il Fatto Quotidiano, è contenuto nella sentenza depositata il 25 settembre con la quale il giudice respinge il ricorso contro i sequestri effettuati il 26 luglio a carico di Marco Luca Perini, segretario di Siri. Durante le perquisizioni sono stati trovati due pc riferibili al politico leghista, sul cui sequestro discuterà oggi la Giunta per le autorizzazioni del Senato. Siri è anche indagato per corruzione dalla Procura di Roma. Sul piatto del Riesame il finanziamento per acquistare una palazzina a Bresso (Milano). Per la prima volta si può osservare, contenuto nella sentenza di quattro pagine, il capo d’imputazione a carico di Perini “in concorso con il senatore Siri”.

Il reato di autoriciclaggio, secondo la Procura, si forma perché Siri ha “partecipato alla commissione di delitti di appropriazione indebita e amministrazione infedele in relazione alla somma di 748.205 euro indebitamente corrisposte il 28 novembre 2018”. Si tratta del finanziamento ottenuto da Siri “usufruendo di condizioni di particolare favore in contrasto con i principi di sana e prudente gestione del credito”. Per il pagamento dell’immobile verranno utilizzati due assegni circolari “emessi il 31 gennaio 2019 dalla Banca popolare di Sondrio”. A Siri, come scrive ancora Il Fatto Quotidiano, viene contestata anche un’aggravante. Recitano le ultime righe del capo di imputazione: “Con l’aggravante di aver commesso il fatto giovandosi del contributo di un gruppo criminale organizzato impegnato in attività criminali in più di uno Stato”.

Nello specifico dell’acquisto della palazzina il Tribunale spiega: “L’importo ricevuto è stato utilizzato da Siri per l’acquisto di un immobile (…) ma invece di essere trasferito al venditore è stato accreditato sul conto corrente del notaio rogante (non indagato, ndr) sul quale poi sono stati tratti gli assegni per il pagamento del bene”. L’acquirente “è stato individuato non in Siri ma nella figlia Giulia (non indagata, ndr), che ha rilasciato una procura irrevocabile a vendere l’immobile in favore del padre”. Il tutto “con l’intento di dissimulare l’origine” del denaro. Al reato, così come spiegato dal Riesame, partecipa anche Marco Luca Perini, il quale “risulta acquirente di uno dei subalterni dell’edificio”. La Procura ha intercettato un secondo mutuo da 600 mila euro (non contestato penalmente a Siri) concesso nel marzo scorso sempre dalla banca di San Marino alla società Tf Holding. Uno dei soci, Fiore Turchiarulo, fu candidato nel movimento Italia Nuova fondato da Siri.

Commenti
    Tags:
    siri pmsirisiri investimenti pm
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Ford presenta il Transit Connect da 1 tonnellata

    Ford presenta il Transit Connect da 1 tonnellata


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.