A- A+
Politica

Il Watergate fu uno scandalo politico, scoppiato negli Stati Uniti nel 1972, che portò alla richiesta di impeachment e alle dimissioni dell'allora Presidente, Richard Nixon. E fu causato da alcune intercettazioni abusive, effettuate nel quartier generale del Comitato Nazionale Democratico, ad opera di uomini legati al partito repubblicano, di cui faceva parte il primo cittadino USA.

Nixon resse a 2 anni di montanti difficoltà politiche, ma la pubblicazione del nastro, noto come "la pistola fumante", nell'agosto del 1974, portò con sè la prospettiva di un sicuro impeachment per il Presidente, che diede le dimisioni 4 giorni dopo, l'8 agosto.

Nessun paragone è ipotizzabile tra quello scandalo e l'attuale vicenda di Silvio Berlusconi, di cui molti invocano le dimissioni, dopo la stangata definitiva, a 4 anni, di cui 3 condonati, affibbiatagli dalla sezione feriale della Cassazione, presieduta da un eminente giurista campano, don Antonio Esposito, toga, notoriamente, serena,"terza" e riservata.

Nel Watergate, un ruolo determinante lo svolse la libera stampa, in primis i reporter del "Washington Post", Bob Woodward e Carl Bernstein- portati sul grande schermo, nel filmone "Tutti gli uomini del Presidente, da Robert Redford e Dustin Hoffman- che investigarono su tutti i risvolti della vicenda.

Nel bel Paese, invece, i quotidiani anti-Berlusconi, in primis quelli di proprietà di un "noto sostenitore della sinistra"-come, nel suo videomessaggio, il Cav.ha definito de Benedetti, straricco dopo la stangata di 496 milioni, affibbiata dai giudici all'ex premier per il processone sul "lodo Mondadori"- hanno pubblicato alcune delle centinaia di migliaia di intercettazioni- passati alle redazioni dai soliti amici, anonimi, dei tribunali-disposte dai magistrati, che indagarono persino sulla vita privata e sessuale di Berlusconi.

E, last but not least, i "poteri forti", 40 anni fa, a Washington, sostennero Nixon, che era stato l'avversario più tenace prima di John F.Kennedy e poi del fratello, Robert, entrambi assassinati, che erano temutissimi dai clan mafiosi, legati al potente sindacato degli autotrasportatori e da altre influenti lobby. E il Presidente fu lasciato al suo destino solo quando i big dell'alta finanza yankee ebbero la certezza che, anche dopo la cacciata dell'esponente repubblicano, non sarebbe stata scalfita l'egemonia del potere delle multinazionali e della banche, americane e internazionali.

Invece, nel nostro Paese, Berlusconi, sin dalla sua discesa in politica, è stato avversato dai "poteri forti", proprietari dei giornali più influenti e diffusi, e dai magistrati più politicizzati.E, subito dopo la sua discesa in politica, 20 anni fa, per salvare il Paese da un governo con i post-comunisti Occhetto e Violante premier e ministro della Giustizia, il patron di "Canale 5" è stato colpito da una quantità, senza precedenti, di indagini, perquisizioni, processi e trattato come, negli Stati Uniti, il boss Al Capone.

Marcello Veneziani ha parlato di "una mattanza, che non ha proporzioni con la realtà, un'ordalia barbarica, dove è sostituito dal giudizio dei magistrati", bocciando "la puntigliosa ferocia, il bestiale livore, per massacrare e smontare a pezzi Berlusconi e tutto quello che attiene a lui".

Parole forti, come l'imminente "scontro finale", "il ricatto" dell'eterno imputato e l'"ultima chiamata" per i moderati italiani, ai quali si è rivolto, dagli schermi delle Tv, il Cavaliere. Invecchiato, certo, ma ancora in politica, al contrario di molti suoi ex avversari, ad esempio "Cicciobello" Rutelli, relegato ai margini del "teatrino" romano.

A quanti, troppo frettolosamente e con il deleterio sussiego di tanti progresstisti, hanno intonato il "de profundis" sul combattente di Arcore, dimenticando gli otto aspiranti leaderini del centrosinistra asfaltati dal Cav.consigliamo di meditare le parole di Giovanni Minoli, un brillante "televisionista", vicino a Craxi nella Prima Repubblica e adesso simpatizzante del PD: "Attenti, compagni, a Silvio ! Adesso si ri-propone come un rivoluzionario moderato, come un Beppe Grillo di centro. L'ultimo Berlusconi, che avevamo visto, dopo la condanna, era stanco, lacrimevole. Quello della sera del 18 settembre era un altro uomo. Lo stesso Berlusconi, che andò a spolverare la sedia di Travaglio, nello studio di Santoro, prima delle ultime elezioni".

Quelle, che il centrodestra ha quasi vinto, impedendo al mediocre Bersani di "smacchiare" il giaguaro lombardo, che non va definito "gatto", prima di averlo sconfitto, politicamente e senza "aiutoni" giudiziari, e infilato nel sacco, caro a nonno Giuan Trapattoni.

Pietro Mancini
 

Tags:
berlusconigiuntaforza italia
in evidenza
"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

Affari al Festival dell'Economia

"Professione Manager". Perrino ospita Scaroni e Fiorani

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
Nuova Maserati MC20 Cielo, la spider dal tetto retrattile

Nuova Maserati MC20 Cielo, la spider dal tetto retrattile


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.