A- A+
Politica


 

berlusconi bari

"Parole inaccettabili, scellerate. Un Paese che non crede ai suoi giudici mette a rischio l'assetto democratico". Cosi', durante il plenum di questa mattina, numerosi consiglieri del Csm hanno definito gli attacchi rivolti alle toghe dal leader del Pdl Silvio Berlusconi, in particolare le espressioni con cui l'ex presidente del Consiglio ha parlato della magistratura come "cancro", "mafia", invitando in piazza i cittadini. A prendere la parola per primo e' stato il togato di Area, Paolo Carfi', sottolineando che "non ci era mai capitato di sentire tali accuse da chi riveste, o ha rivestito, importanti cariche istituzionali. Berlusconi ha superato il limite con una escalation di disprezzo di un'istituzione che puo' avere conseguenze gravi sulla tenuta sociale e morale del Paese. Tacere di fronte a questo sarebbe colpevole".

A seguire, l'intervento del laico di centrosinistra Glauco Giostra: "Abbiamo appreso che la nostra giustizia puo' operare liberamente ma non prima, durante, e dopo le elezioni. Evocare la piazza contro i magistrati e' agli antipodi della democrazia, si tratta di attacchi scellerati". C'e' chi, poi, come il togato di Area, Francesco Vigorito, chiede di "reagire a una barbarie, con una risposta forte a tutela di uno dei valori fondanti del sistema democratico, cioe' l'autorita' e l'indipendenza dei magistrati. Sono tentativi di delegittimare le toghe e colpire i gangli vitali della democrazia". Di "frasi scellerate" parla poi il togato di Unicost, Mariano Sciacca, mentre Roberto Rossi (Area) sottolinea che "i magistrati di Napoli e di Milano sono colpevoli soltanto di fare il loro dovere. Non si puo' accostare il lavoro dei magistrati a quel terribile male che e' il cancro". Alle dichiarazioni di Berlusconi oppone un "rifiuto netto e forte" anche il togato di Magistratura Indipendente, Antonello Racanelli, rilevando che "i processi si fanno nelle aule di giustizia e non nelle piazze".

Pur definendo "sbagliate e assolutamente non condivisibili" le parole del leader del Pdl, il laico di centrodestra, Bartolomeo Romano, osserva come "molta parte dell'opinione pubblica non si e' scandalizzata, bisogna chiedersi il perche'. Forse non tutti i magistrati hanno avuto nel loro comportamento una serieta' tale da ottenere rispetto". "Non nascondo il disagio - aggiunge il laico Pdl, Nicolo' Zanon, che stamane, in assenza del vicepresidente Vietti, ha presieduto il plenum - e' sbagliato e gravemente offensivo dire che la magistratura e' come la mafia, ma ancora una volta questo dibattito fornisce l'occasione per dimenticare i reali problemi in gioco. Nel momento in cui si percepisce in modo ostentato uno schieramento di una parte autorevole della magistratura in politica, come ci si puo' scandalizzare se si manifesta contro". Un riferimento chiaro ad Antonio Ingroia, dunque, e alla sua lista 'Rivoluzione Civile'. Di "dichiarazioni gravissime" da parte di Berlusconi, parla anche il laico di centrosinistra, Guido Calvi, sottolineando che, pero', "il punto piu' drammatico e' un altro, cioe' il fatto che hanno trovato consenso. Il risultato elettorale ha dato un esisto inaspettato. Dichiarazioni del genere alimentano la cultura peggiore del nostro Paese".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
csmberlusconiscellerato
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana

Nuova KIA EV6: arriva in Italia la rivoluzione elettrica coreana


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.