A- A+
Politica

 

 

vendola

Alessandro Morelli nella bufera. Il capogruppo consiliare della Lega a Palazzo Marino ha postato sul suo profilo Facebook una foto con un titolo che ha scatenato l'indignazione del web: "Gay e pedofilo". Il riferimento è al governatore pugliese Nichi Vendola, leader di Sel e omosessuale dichiarato, ritratto nella foto con il compagno. Il tutto accompagnato da un secco "no alle adozioni gay" e da un commento dello stesso Morelli: "Vendola vuole fare la mamma. Qui nasce il caso: genitore 1 o genitore 2?", con riferimento alla decisione del Comune di Bologna di far sparire le diciture di "padre" e "madre" dai moduli di iscrizione a scuola.

 

ADOZIONI GAY, MORELLI (LEGA): SCUSE A VENDOLA, LO INVITERO' A DIBATTITO - "Devo le scuse a Vendola e lo faccio qui. Non ha affermato che i bimbi devono avere una loro sessualità anche con gli adulti. Gli chiedo scusa e nei prossimi giorni lo inviteró ad un dibattito sul tema della adozioni. Un passo avanti per parlare dei diritti, di tutti". Coså, su Facebook, Alessandro Morelli, capogruppo della Lega in Comune, dopo il caso della foto-manifesto contro le adozioni gay postata dall'ex assessore della giunta Moratti che ritrae il leader di Sel Nichi Vendola e la scritta "Gay e pedofilo".

Tags:
vendolamorellioffese

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes partnership con Phi Beach

Mercedes partnership con Phi Beach


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.