A- A+
Politica

 

 

de magistris

Confrontarsi maggiormente con i problemi dei cittadini, dando la priorita' ai giovani e alle fasce deboli e rafforzando la singergia con le altre istituzioni, i sindacati e i partiti, il cui contributo sara' importante se andra' in questa direzione e non ostacolera' l'azione amministrativa

. E' la sintesi dell'incontro a porta chiuse durato circa 15 ore tra il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e gli assessori, che si e' svolto alla Mostra d'Oltremare. Si e' partiti dagli errori commessi e dalla necessita' di una maggiore sinergia all'interno della squadra di governo per guardare al futuro. "Ho registrato un clima positivo - spiega de Magistris - e ripetero' questo incontro con i consiglieri, che devono stare di piu' tra la gente". Tra le priorita' elencate dal primo cittadino ci sono la questione abitativa, per l'assegnazione in tempi rapidi degli immobili a chi ne ha diritto e il pugno duro contro gli "occupanti di professione e la camorra", e l'ambiente, con "l'implementazione della raccolta differenziata e la riqualificazione del verde pubblico". A questo e' legato il tema delle bonifiche di Bagnoli e dell'area nord, per cui "e' necessario un maggiore impegno del governo, anche per il rilancio del quartiere di Scampia, che passa attraverso l'abbattimento delle Vele e la realizzazione di un polo di eccellenza nella ricerca". Alla viglia di un autunno che si preannuncia caldo sul fronte lavoro, il sindaco si fa promotore di un "grande patto con i sindacati, che non possono non apprezzare la nostra politica di rientro dal debito condotta senza licenziare dipendenti pubblici". Servira' anche il contributo dei partiti, soprattutto nell'interlocuzione con il governo nazionale, purche' si discuta dei problemi della citta'. "Il dialogo e' aperto con tutti, anche con il Pd - chiarisce de Magistris - ma non accettiamo lezioni da nessuno, soprattutto da chi ha governato per 20 anni, ci ha consegnato una situazione drammatica e ora ci critica duramente dopo soli due anni e mezzo di mandato".

Intanto il Pd propone un referendum per valutare l'operato e quindi l'indice di gradimento del sindaco di Napoli, a metà mandato. Secondo i democratici, porterebbe alla luce il sensibile calo di consensi causato soprattutto da una lunga serie di promesse che sono rimaste tali e propositi rimasti lettera morta. A farsi promotore, in prima linea, della proposta referendaria, è Enzo Maria Ruggiero, una volta fra i più stretti collaboratori dello stesso De Magistris con l'IdV e oggi fra i grandi delusi, che lamentano la mancata partecipazione della cittadinanza della cittadinanza alla gestione della cosa pubblica

Tags:
pdde magistrisreferendum
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”

Alfa Romeo protagonista della 39esima edizione storica della “1000 Miglia”


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.