BANNER

"In un Paese normale si sarebbe aspettata la delibera della Corte sull'interpretazione della legge Severino", dice il deputato Pd Francesco Boccia a Mix24, di Giovanni Minoli, su Radio24

, a proposito della legge Severino. Quanto invece alle carte americane che dovrebbero cambiare il contesto sui diritti Mediaset "se fosse cosi', mi aspetto una revisione del processo come per qualsiasi altro cittadino".

Intnato il Pd torna respingere gli appelli alla coscienza che arrivano da Silvio Berlusconi alla vigilia del voto sulla decadenza. "L'appello di Berlusconi e' l'ennesimo tentativo per evitare di sottostare alla legge: la nostra Costituzione, all'articolo 27 dice che si e' innocenti sino al terzo grado di giudizio. Ecco, al terzo grado vi si e' arrivati e la legge ha detto che Berlusconi nella fattispecie e' stato dichiarato colpevole", rimarca Roberto Speranza. "Quindi - chiarisce il capogruppo Pd alla Camera, da Prima di tutto su RadioUno - e' l'ennesimo tentativo di prendere tempo. Le istituzioni devono dare un segnale chiaro: la legge si rispetta sempre, non solo quando c'e' un cittadino qualsiasi ma anche in presenza di un cittadino importante. Se non mandiamo questo messaggio di equita' nella giustizia, commettiamo un errore". "Noi dobbiamo rispettare il lavoro della magistratura", sottolinea ancora Speranza.

"La legge Severino venne promulgata lo scorso anno, allorche' - ricorda - di fronte a vari scandali che avevano investito la politica, tutto il mondo politico, compreso il Pdl, decise che servivano un argine, regole piu' ferme , paletti piu' saldi. Nella Severino c'e' scritta una cosa semplicissima: dopo il terzo grado di giudizio, in caso si sentenza dei condanna, si decade da parlamentare. Dobbiamo applicare quella norma. Punto e basta". "Sarebbe molto grave se non applicassimo quella norma solo perche' - osserva ancora - riguarda un cittadino importante come Berlusconi. Se poi Berlusconi dovesse portare carte che inducano alla revisione del processo, lo devono, eventualmente, stabilire i giudici. Non certo la politica".

2013-11-26T10:54:54.66+01:002013-11-26T10:54:00+01:00truetrue1356116falsefalse6Politica/politica4130900115462013-11-26T10:54:54.707+01:0013562013-11-26T15:36:54.467+01:000/politica/il-pd-si-spacca-sulla-decadenza-boccia261113false2013-11-26T15:36:56.27+01:00309001it-IT102013-11-26T10:54:00"] }
A- A+
Politica

 

 

boccia

BANNER

"In un Paese normale si sarebbe aspettata la delibera della Corte sull'interpretazione della legge Severino", dice il deputato Pd Francesco Boccia a Mix24, di Giovanni Minoli, su Radio24

, a proposito della legge Severino. Quanto invece alle carte americane che dovrebbero cambiare il contesto sui diritti Mediaset "se fosse cosi', mi aspetto una revisione del processo come per qualsiasi altro cittadino".

Intnato il Pd torna respingere gli appelli alla coscienza che arrivano da Silvio Berlusconi alla vigilia del voto sulla decadenza. "L'appello di Berlusconi e' l'ennesimo tentativo per evitare di sottostare alla legge: la nostra Costituzione, all'articolo 27 dice che si e' innocenti sino al terzo grado di giudizio. Ecco, al terzo grado vi si e' arrivati e la legge ha detto che Berlusconi nella fattispecie e' stato dichiarato colpevole", rimarca Roberto Speranza. "Quindi - chiarisce il capogruppo Pd alla Camera, da Prima di tutto su RadioUno - e' l'ennesimo tentativo di prendere tempo. Le istituzioni devono dare un segnale chiaro: la legge si rispetta sempre, non solo quando c'e' un cittadino qualsiasi ma anche in presenza di un cittadino importante. Se non mandiamo questo messaggio di equita' nella giustizia, commettiamo un errore". "Noi dobbiamo rispettare il lavoro della magistratura", sottolinea ancora Speranza.

"La legge Severino venne promulgata lo scorso anno, allorche' - ricorda - di fronte a vari scandali che avevano investito la politica, tutto il mondo politico, compreso il Pdl, decise che servivano un argine, regole piu' ferme , paletti piu' saldi. Nella Severino c'e' scritta una cosa semplicissima: dopo il terzo grado di giudizio, in caso si sentenza dei condanna, si decade da parlamentare. Dobbiamo applicare quella norma. Punto e basta". "Sarebbe molto grave se non applicassimo quella norma solo perche' - osserva ancora - riguarda un cittadino importante come Berlusconi. Se poi Berlusconi dovesse portare carte che inducano alla revisione del processo, lo devono, eventualmente, stabilire i giudici. Non certo la politica".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pddecadenzaboccia
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030

Nissan svela “Ambition 2030”, 23 nuovi modelli elettrificati entro il 2030


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.