A- A+
Politica
La Casta ha colpito nuovamente. Indennità ai parlamentari arrestati

L'ufficio di Presidenza della Camera ha respinto a larga maggioranza, con il voto contrario dei tre esponenti del M5S e l'astensione di Edmondo Cirielli (Fdi-An), la proposta del Movimento 5 Stelle di sospendere temporaneamente l'indennità ai parlamentari arrestati e a quelli sottoposti a procedura di decadenza per incompatibilità o ineleggibilità ai sensi della legge Severino, fino alla cessazione delle misure cautelari. La Camera, dunque, continuerà a pagare l'indennità parlamentare fintanto che saranno titolari del seggio.

La richiesta era stata avanzata dal M5S dopo il sì dell'assemblea di Montecitorio all'arresto del parlamentare Pd Francantonio Genovese, coinvolto in un'inchiesta sui finanziamenti alla formazione professionale. L'ufficio di Presidenza, presieduto da Laura Boldrini, ha accolto il parere contrario alla richiesta dei grillini formato dal Collegio dei Questori, che prima del voto aveva sottolineato come sia indispensabile un intervento legislativo per regolare la materia, che non può essere modificata dall'ufficio di Presidenza.

Contro il parere dei Questori ha voluto che fosse messo agli atti il suo dissenso il vicepresidente M5s della Camera Luigi Di Maio, sottolineando come la sospensione sia una provvedimento temporaneo e non definitivo. E come l'assenza di precedenti, sottolineata dai Questori, non sia considerabile ostativa a una decisione della Presidenza.

Di Maio rincara poi su Facebook: "I cittadini italiani stanno pagando lo stipendio a un politico agli arresti domiciliari e a tutti quelli arrestati. I partiti danno lo stipendio ai parlamentari in galera. I partiti oggi hanno dato un pessimo esempio al Paese. Gli stessi partiti che si riempiono la bocca con la lotta alla corruzione. Non quella intellettuale. Chiedo agli elettori di Pd, Forza Italia, etc. Cosa ne pensano...". E ancora: "Se Genovese è agli arresti domiciliari, i cittadini che lo pagano a fare?".

Nella stessa riunione dell'ufficio di Presidenza è stata ribadita la decisione, irrevocabile, della Camera di recedere dalla locazione di Palazzo Marini, che attualmente ospita gli uffici di 400 deputati.

Tags:
indennità
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...

Diletta Leotta e Can Yaman: conduttrice Dazn in Turchia. E la mamma di lui...


casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.