A- A+
Politica

Di Pietro Mancini

Antonio Ingroia, da aspirante premier, o Guardasigilli in un governicchio Grillo-Bersani, a modesto giudice in un polveroso tribunale di montagna, nella lontana Aosta. Cosi' ha deciso il Consiglio superiore della Magistratura, presieduto da Napolitano, a cui il magistrato siciliano non è molto simpatico... Sic transit gloria...delle toghe, di lotta e di manette.

Oltre a indagare sui boss mafiosi, in villeggiatura in Val d'Aosta, l'ex leader, trombato, di "Rivoluzione civile", in 1 ora di auto, potrà piombare a Torino. E pranzare con il Procuratore-anti-Berlusconi anche lui, of course- del capoluogo piemontese. Quel Giancarlo Caselli. che, con il barbuto collega, istrui' il "processone del secolo" al presunto, affettuoso baciatore di Totò Riina, 'zu Giulio Andreotti, assolto, senza scuse, dopo un lungo calvario processuale.

Tags:
ingroiapremiergiudice aosta

i più visti

casa, immobiliare
motori
Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia

Nuovo Duster, la rivoluzione del suv firmata Dacia


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.