A- A+
Politica
Re Giorgio ipotizza le dimissioni. Così stoppa Renzi e blinda Letta


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


Ottenere conferme ufficiali è ovviamente impossibile. Data la delicatezza della questione. Ma - secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it - a bloccare l'ipotesi di un Letta-bis e a spingere fortemente per un mini-rimpasto o rimpastino, come lo chiamano nei corridoi di Montecitorio, sarebbe stato il presidente della Repubblica in persona. Ambienti vicini al Capo dello Stato avrebbe fatto capire nei giorni scorsi sia al premier sia al segretario del Pd che il Quirinale non gradisce un nuovo esecutivo e, quindi, la strada da percorrere è quella di un piccolo aggiustamento della compagine governativa e senza chiamarla "verifica" ma soltanto "messa a punto" del programma, con le priorità per il 2014.

Per fermare le fibrillazioni all'interno del Pd, il "movimentismo" di Matteo Renzi e gli scambi di accuse tra i partiti della maggioranza - quindi come strumento di pressione - il Colle avrebbe ricordato quanto detto nel messaggio di fine, ovvero quel passaggio sul fatto che non sarebbe rimasto un minuto di più del necessario. Traduzione dal diplomatico-politichese: Napolitano sarebbe stato pronto perfino a valutare l'ipotesi dimissioni qualora Renzi avesse chiesto troppi cambiamenti al governo e nel caso in cui Letta, spinto magari da Alfano, avesse pensato a un bis, con un nuovo passaggio in Parlamento.

E così 'Re Giorgio' ha blindato il governo, soprattutto all'indomani del suo viaggio in Europa. Le parole d'ordine sono credibilità internazionale e continuità. E perciò si fa avanti l'ipotesi che nel rimpastino venga nominato soltanto il ministro dell'Agricoltura (al posto di Nunzia De Girolamo) con al massimo la promozione di Graziano Delrio a un dicastero di maggiore prestigio. Nulla di più. E soprattutto nessun terremoto al ministero dell'Economia. Nonostante i siluri dei renziani, Fabrizio Saccomanni, elemento di garanzia per i partner europei e per la Commissione, non si tocca. Anche perché l'obiettivo di Letta (e dello stesso Napolitano) sarebbe quello di chiedere e sperare di ottenere l'uscita delle spese per investimenti dal patto di stabilità Ue. E per arrivare a questo importante risultato servono continuità e pacatezza. Insomma, avanti con Letta. 'Re Giorgio' vuole così...

Tags:
governolettanapolitano
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Britney Spears, è guerra con il padre: "Rivoglio la mia vita"

Britney Spears, è guerra con il padre: "Rivoglio la mia vita"


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.