A- A+
Politica
"Al primo posto partite IVA ed enti locali". Manovra, le priorità dei Giovani Turchi


Di Alberto Maggi (@AlbertoMaggi74)


"La prima nostra priorità sono i giovani, i precari, le partite IVA, i disoccupati. Quelli che l'articolo 18 non lo vedono neanche col binocolo". Antonio Misiani spiega ad Affaritaliani.it quali sono le modifiche che vorrebbe apportare alla manovra la componente dei Giovani Turchi del Pd. E sui tagli agli enti locali afferma: "Bisogna introdurre modifiche. Serve il criterio dei costi standard".

Molti esponenti della minoranza del Pd hanno criticato aspramente l'impianto della legge di stabilità. Qual è la posizione dei Giovani Turchi?
Il nostro giudizio è complessivamente positivo. Dopo anni di finanziarie lacrime e sangue finalmente cittadini e imprese tornano a respirare. La legge di stabilità contiene misure importanti per la crescita e l'occupazione: conferma del bonus Irpef per i lavoratori dipendenti, eliminazione del costo del lavoro dipendente dall'Irap, incentivi per le assunzioni a tempo indeterminato, un forte allentamento del patto interno di stabilità. Era l'unica strada possibile, perché rispettare il fiscal compact ci avrebbe fatto sprofondare. Naturalmente, è solo l'inizio di un percorso nuovo.

Per andare dove?
L'Europa può ripartire solo attraverso una profonda riforma della zona euro. Riforma, non disintegrazione come vorrebbero i populisti di destra e qualche esponente della sinistra. Buttare via il bambino (l'Euro) con l'acqua sporca (l'austerità ottusa di Katainen e Merkel) non ha alcun senso. La battaglia va fatta - duramente e a viso aperto - per cambiare la politica economica europea. Abbandonare la moneta unica sarebbe, viceversa, un suicidio collettivo degno di Charles Manson...

Cosa non vi piace della legge di stabilità?
Alcune cose non ci convincono e lavoreremo per cambiarle. La prima nostra priorità sono i giovani, i precari, le partite IVA, i disoccupati. Quelli che l'articolo 18 non lo vedono neanche col binocolo e che vanno aiutati come e più di altre categorie di lavoratori.

Come?
In primo luogo intervenendo sul regime agevolato per le partite IVA, perché così come è costruito penalizza centinaia di migliaia di professionisti, tecnici, consulenti, in larga parte giovani. Non ci piace l'inasprimento della tassazione dei fondi pensione, fondamentali per la previdenza dei giovani entrati con il regime contributivo. Proponiamo di rafforzare il bonus assunzioni per le regioni meridionali, dove si concentrano la maggior parte dei disoccupati e dei precari e da dove vengono le risorse con cui è finanziato il bonus.

Un punto molto contrastato è la manovra sugli enti locali...
E' la nostra seconda grande priorità. Tutti i livelli istituzionali devono fare la propria parte, ma il contributo richiesto a comuni, province e regioni è troppo elevato. Bisogna introdurre modifiche, dialogando con gli enti locali per rimodulare la manovra e ripartirla con il criterio dei costi standard.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antonio misiani
in evidenza
Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

Scatti d'Affari

Confindustria, presentazione del 3° Rapporto sulle Reti d’Impresa

i più visti
in vetrina
Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO

Sanremo 2022, svelata la scenografia: tra passato e futuro. FOTO


casa, immobiliare
motori
Porsche Taycan nuova safety car della Formula E

Porsche Taycan nuova safety car della Formula E


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.