A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
@Tommaso5mani

Corrado Passera (1)

Agenda digitale, piano energetico nazionale, infrastrutture e competitività. Il ministro Corrado Passera ha incontrato a Milano i rappresentanti dell'American Chamber of Commerce in Italy, l'associazione che raccoglie i rappresentanti delle grandi multinazionali americane e italiane che lavorano nei rispettivi Paesi. Un'occasione per parlare di crisi, ma soprattutto delle ricette per combatterla. Ma la domanda che molti si sono fatti (e che il Presidente Vittorio Terzi ha espresso) è stata la stessa: che cosa farà il ministro Passera dopo che il governo tecnico avrà finito il suo lavoro? "Per ora faccio il ministro, poi si vedrà", spiega l'ex numero uno di Intesa San Paolo. Il responsabile dello Sviluppo Economico risponde per due ore alle domande dei presenti che vogliono conoscere i progressi fatti dal governo e le sfide del futuro. Mette le mani avanti Passera: "Vista l'eterogeneità della maggioranza abbiamo lavorato bene". E snocciola i successi conseguiti. Quello più recente è lo sblocco dei fondi per l'Agenda Digitale, quell'insieme di provvedimenti che dovrebbero rilanciare le telecomunicazioni, banda larga in primis. Quasi 900 milioni di euro, molti destinati al Sud.
 

amcham

Se il governo si è impegnato, specialmente nella parte finale del suo mandato, a riportare l'Italia a crescere, quello che è mancato è l'appoggio dell'Europa. "L'Ue ha fatto tutto quello che doveva fare sul tema del rigore e del controllo dei costi. Si è impegnata, a parole, anche sul fronte della crescita, ma al momento della discussione sul budget per il prossimo settennato dell'Unione, è stato raggiunto un accordo insoddisfacente", spiega il ministro ad Affaritaliani.it. "L'Italia ha giocato un ruolo estremamente positivo e noi come Paese abbiamo avuto una serie di vantaggi. Ma l'Europa non ha dimostrato di voler mettere sugli investimenti per la crescita un impegno adeguato. Alcune voci di bilancio addirittura si sono ridotte, altre sono aumentate di pochissimo".  E lancia la sua ricetta: "Se vogliamo più Europa, più mercato unico, più crescita, bisogna aumentare gli investimenti in ricerca, in educazione, in infrastrutture e in coesione.  Gli aumenti devono essere decisi dai capi di governo e dal Parlamento, il quale, per voce del suo Presidente, il tedesco Martin Schulz, ha fatto sapere di non essere soddisfatto. Speriamo che da questa dialettica Parlamento-Consiglio scaturisca un aumento dei fondi destinati alla crescita".

Vista la location, la camera di Commercio Italo-Statunitense, non si può non ricordare le parole del Presidente Obama che incontrando Giorgio Napolitano ha detto che l'Italia deve "continuare sulla strada delle riforme". Gli Usa vogliono un'Europa forte, in crescita, e hanno bisogno di una Italia che giochi in prima linea. "Il rapporto con gli Stati Uniti è fortissimo. La prova è il fatto che adesso si sta lavorando al free trade agreement, che io spero vada avanti e che potrebbe rafforzare ancora di più i rapporti transatlantici", spiega Corrado Passera ad Affari. "Ma non dimentichiamoci che la vicinanza tra Stati Uniti ed Europa non è solo di tipo economico, ma anche culturale e storico. Stiamo parlando dell'area della democrazia più compiuta".

A Milano, se si parla di crescita e di opportunità per il futuro non si può non parlare dell'Expo2015. La grande Esposizione, secondo un recente studio, potrebbe avere un ritorno di 25 miliardi di euro con migliaia di posti di lavoro nell'indotto. "Mi sembra che tutti stiano lavorando con grande impegno", spiega il ministro ad Affari. "Sia Sala, sia il Comune di Milano che la Regione Lombardia ce la stanno mettendo tutta. Hanno un piano di lavoro che li porterà all'appuntamento, il nostro compito è quello di star  loro vicino perché arrivino preparati. Non è questo il momento per fare recriminazioni, ma di spingere per fare passi avanti concreti. Proprio nella seduta di ieri del Cipe abbiamo approvato il progetto della nuova fermata Forlanini, lungo il ramo Lambro del Passante ferroviario e la cintura di Lambrate-Porta Romana. Si tratta di un'opera del valore di 16 milioni di euro che consentirà di collegare Linate col servizio ferroviario, ed è quindi fortemente strategica per l'Expo".

Tags:
corrado passeramontisviluppo economicousaexpo

i più visti

casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.