A- A+
Politica
"Io non avrei parlato con Zelensky". E' scoppiato un nuovo caso Berlusconi

"Bastava che cessasse di attaccare le due repubbliche autonome del Donbass e questo non sarebbe accaduto"

 

"Il sostegno all'Ucraina da parte del Governo italiano è saldo e convinto, come chiaramente previsto nel programma e come confermato in tutti i voti parlamentari della maggioranza che sostiene l'Esecutivo". Lo spiegano fonti di Palazzo Chigi

"Io parlare con Zelensky? Se fossi stato il presidente del Consiglio, non ci sarei mai andato perché stiamo assistendo alla devastazione del suo paese e alla strage dei suoi soldati e dei suoi civili. Bastava che cessasse di attaccare le due repubbliche autonome del Donbass e questo non sarebbe accaduto, quindi giudico, molto, molto negativamente il comportamento di questo signore". Lo ha detto Silvio Berlusconi dopo aver votato per le regionali lombarde a Milano.

"Per arrivare alla pace penserei che il signor presidente americano dovrebbe prendersi Zelensky e dirgli 'è a tua disposizione dopo la fine della guerra un piano Marshall per ricostruire l'Ucraina. Un piano Marshall 6-7-8-9mila miliardi di dollari, a una condizione, che tu domani ordini il cessate il fuoco, anche perché noi da domani non vi daremo più dollari e non ti daremo più armi'. Soltanto una cosa del genere potrebbe convincere questo signore ad arrivare ad un cessate il fuoco". Così il presidente di Forza Italia.

"Giorgia Meloni e' d'accordo con le parole inquietanti pronunciate da Berlusconi sulla guerra in Ucraina? Oggi di fatto si e' schierato ufficialmente con la Russia di Putin. Con questi alleati di governo la premier non si lamenti di come viene trattata in UE". Cosi' su Twitter la presidente dei senatori del Pd Simona Malpezzi.

"Le dichiarazioni pro-Putin e anti-Zelensky di Berlusconi sono motivo di clamorosa contraddizione dentro la maggioranza su un tema fondamentale come l'aiuto all'Ucraina. Sono posizioni che isolano l'Italia e indeboliscono il fronte occidentale. La Premier non ha nulla da dire?". Cosi' in un tweet, Enrico Borghi, senatore del Pd.

Berlusconi non è nuovo a dichiarazioni pro Putin, e a successive marce indietro. Proprio in occasione di un altro appuntamento elettorale, quello delle scorse Politiche del 25 settembre, il leader FI si era lasciato scappare delle parole quantomeno ambigue.

"Putin doveva solo sostituire con un governo di persone perbene il governo di Zelensky", la sintesi di un suo intervento a Porta a Porta, che in un'escalation di polemiche è arrivata sino al presidente ucraino che a Repubblica incredulo dichiarò: "Davvero Berlusconi si fida di un assassino come Putin?". Il Cavaliere provò a cavarsela sostenendo di aver fatto solo il cronista e di aver riportato il pensiero di altri.

Poi circa un mese dopo, in un'assemblea con i deputati forzisti alla vigilia delle consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo esecutivo, tornò ad attaccare Kiev: "La guerra è colpa della resistenza ucraina", venne riportato da un audio laPresse.Durissima fu allora la reazione di Giorgia Meloni. "Chi non condivide l’atlantismo è fuori dal governo", intimò l'allora premier in pectore.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
berlusconi zelensky





in evidenza
Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14

MediaTech

Vittime e carnefici, qualcosa sta cambiando: l'intervento del direttore Perrino su Ore 14


in vetrina
A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova

A Milano apre Avani Palazzo Moscova: un nuovo hotel "illumina" Porta Nuova


motori
Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

Opel Corsa Electric Yes in edizione speciale, l' elettrica in stile sportivo

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.