A- A+
Politica
"Pronto a fare il sindaco di Milano" Angelo Perrino intervista Salvini


Angelo Maria Perrino, direttore di Affaritaliani.it, ha intervistato Matteo Salvini durante la festa di compleanno del segretario della Lega Nord organitzzata da Daniela Javarone e dagli Amici della Lirica a Palazzo Visconti, a Milano, ospiti della famiglia Sirtori. Presente il presidente della regione Lombardia Roberto Maroni, il deputato della Lega Giancarlo Giorgetti e Stefano Bolognini, regista della giornata.

Domanda di Perrino: sindaco di Milano o condidato premier? "Non ho mai nascosto il fatto che i leghisti, pur avendo tanti difetti, hanno anche una sola certezza: siamo legati in modo viscerale alla città dove siamo nati e dove siamo cresciuti. Il buon Dio ha voluto che io nascessi all'ospedale San Carlo di Milano e che facessi tutte le scuole a Milano. Il mio sogno sarebbe non di fare il sindaco ma di adottare e di curare questa città, che non ha bisogno di geni ma di qualcuno che la ami e la curi. Dobbiamo essere liberi di prendere i mezzi pubblici, di aspettare nostra figlia che rientri la sera senza il patema d'animo e di andare in macchina senza fare il safari a ogni incrocio semaforico. Insomma, a me piacerebbe. Ma la domanda è: quando? A Milano si vota l'anno prossimo. Sappiamo che Renzi - afferma Salvini - resterà presidente del Consiglio senza passare dal via per i prossimi 15-20 anni. Quindi, se si votasse solo per le Comunali l'anno prossimo perché no... Ma a condizione che mi scelgano i milanesi perché noi non ci autoimponiamo dall'alto. Se per caso a livello politico nazionale però la situazione accelerasse verso le elezioni - e probabilmente ci sono tanti migliori di me come alternativa a Renzi - ma se nessuno avesse il coraggio o la grinta di farlo, io non mi tirerei indietro. Sono consapevole dei miei tantissimi difetti e non mi monto la testa, resto con i piedi ben piantati per terra. Ma non mi rassegno a vedere una Milano così. Dovrebbe essere la città più bella del mondo, ma a volte quando torno dall'estero mi sembra una città del terzo mondo".

Berlusconi in futuro può avere il ruolo di 'consigliori' come Bossi? "Chi sono io per dire a Berlusconi cosa deve fare?", spiega il leader del Carroccio. "L'ho visto venerdì scorso e abbiamo parlato di Milan. Lui ha costruito un impero, poi uno può odiarlo o amarlo ma ha costruito un mondo e ha rivoluzionato il modo di fare televisione, comunicazione e politica. Io non gli dico certo mettiti da parte, anche se un conto è combattere a 42 anni e un conto è farlo a 79. Poi un conto è avere dietro un partito compatto e un conto è darsi schiaffoni ogni giorno. Spero che non ci siano persone che hanno avuto tutto grazie a qualcuno che si è svegliato 20 anni fa e poi lo allontani con un calcione. Io mi rifiuterò sempre di buttare fuori dalla porta chi mi ha aperto quella porta".

 

Tags:
salviniperrinomilanoelezioniintervistaaffaritaliani.it
in evidenza
Ludovica Pagani incanta Cannes Forme mozzafiato e abito Missoni

Il suo look infiamma la Croisette: FOTO

Ludovica Pagani incanta Cannes
Forme mozzafiato e abito Missoni

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.