A- A+
Politica
Isabella Rauti celebra il Msi: "Onore ai fondatori". Scoppia la polemica

Isabella Rauti celebra la nascita del Movimento Sociale Italiano su Twitter

Un tweet per celebrare i 76 anni dalla nascita del Movimento Sociale Italiano. A scriverlo Isabella Rauti, sottosegretaria alla Difesa e figlia di quel Pino Rauti che fu tra i primi aderenti al Msi. Fu al centro di diverse indagini giudiziarie afferenti al periodo stagista, da cui uscì comunque totalmente "Pulito", anche se il Pm Di Martino chiese l'assoluzione di Rauti. In merito alla strage di Piazza della Loggia - nel 2010 - Di Martino sancì che la sua è stata una "responsabilità morale, ma la sua posizione non è equiparabile a quella degli altri imputati dal punto di vista processuale. La sua posizione è quella del predicatore di idee praticate da altri ma non ci sono situazioni di responsabilità oggettiva. La conclusione è che Rauti va assolto perché non ha commesso il fatto".

 

 

Il 26 dicembre, dunque, Isabella Rauti pubblica un post su Twitter in cui ricorda con onore i "fondatori e i militanti missini". Con un hashtag, oltretutto, che ha una profonda connotazione politica: le radici profonde non gelano. E ovviamente è scoppiata la polemica.

Napoli (Azione): "Le radici di Rauti sono un problema per la destra"

"Comprendo l’orgoglio e gli affetti famigliari che legano l’on. Isabella Rauti alla storia del Msi. Comprendo, ma non posso giustificarlo, come italiano e come democratico". Lo afferma Osvaldo Napoli, della segreteria nazionale di Azione. "Quelle remote radici sono un problema per la destra, perché il partito nato 76 anni fa aveva un orizzonte di valori e di ideali che erano, e sono, una minaccia per la democrazia liberale finita soffocata nei vent’anni di regime fascista. Concordo con l’esortazione del poeta: parce sepulto. Ecco, ma portato rispetto per tutti i defunti, oggi come 76 anni fa la democrazia combatte i valori di coloro che vorrebbero ancora negarla. E sono molti, purtroppo", conclude. 

Fornaro (Pd): "Rauti dimentica di aver giurato sulla Costituzione"

"La sottosegretaria alla Difesa Isabella Rauti ha tolto anche l’ultimo velo di ipocrisia e nel giorno dell’anniversario della fondazione del Movimento Sociale Italiano, su iniziativa di esponenti del vecchio regime e della Repubblica Sociale Italiana nel 1946, ha scritto che le radici profonde non gelano e che occorre rendere onore ai fondatori di quel partito. Isabella Rauti si è già dimenticata di aver giurato qualche settimana fa sulla Costituzione Italiana vera grande eredità della Resistenza antifascista. Quelle sono le radici di cui essere orgogliosi e da ricordare come democratici e come italiani. Sulla vicenda ci attendiamo parole chiare della Presidente Meloni”. Lo scrive in una nota Federico Fornaro, dell’Ufficio di Presidenza alla Camera del gruppo PD Italia Democratica e Progressista

 

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
destrafornaromsipdrauti





in evidenza
Affari in rete

Guarda la gallery

Affari in rete


in vetrina
Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria

Royal Family/ Meghan Markle è "troppo nuda": polemica per la visita in Nigeria


motori
Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Jeep Experience: un successo tra prestazioni Off-Road e accoglienza premium

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.