@Tommaso5mani
 
ettore martinelli (1)@Tommaso5mani
 
ettore martinelli (1)@Tommaso5mani
 
ettore martinelli (1)
A- A+
Politica
Di Tommaso Cinquemani
twitter@Tommaso5mani
 
ettore martinelli (1)

"Il Pd deve essere aperto a contributi esterni, ma Berlusconi deve fare un passo indietro". Ettore Martinelli, membro della segreteria nazionale del Pd, con una intervista ad Affaritaliani.it, boccia l'ipotesi del ticket Alfano-Bersani: "L'ex Guardasigilli non ha alcuna autonomia di pensiero". E alle accuse di inciucio di Grillo: "Può gridare quello che gli pare, ma un governo senza il Cavaliere sarebbe un governo responsabile, non un governo dell'inciucio". E sull'elezione del Presidente della Repubblica: "In quel ruolo vorrei vedere Valerio Onida. Ha dimostrato di saper essere super partes nonostante abbia delle preferenze politiche".


Venerdì Napolitano, nel discorso con cui ha dato l'incarico a Bersani, ha fatto capire che vedrebbe bene un governo di larghe intese. Dal Pd si sono alzate alcune voci a favore di questa ipotesi, soprattutto dall'area renziana. Lei che cosa ne pensa?
"Napolitano è un Presidente della Repubblica a fine mandato e come tale è preoccupato di lasciare all'Italia un governo stabile, vista anche la crisi finanziaria. Le urne però ci hanno consegnato, come ha sottolineato il Colle, un risultato elettorale ambiguo. Il partito Democratico è aperto a contributi esterni, ma esiste una precondizione a qualsiasi ragionamento: un passo indietro di Berlusconi".
 
Proprio Berlusconi ha detto che vedrebbe bene un governo con Bersani premier e Alfano vice, è una buona proposta?
"La precondizione di qualsiasi ragionamento sono le dimissioni di Berlusconi da qualsiasi carica pubblica. Il resto lo abbiamo già visto: Alfano non ha alcuna autonomia di pensiero. Quando Alfano ha avuto in mano il partito Berlusconi lo ha ripreso in un attimo, spaventato dai sondaggi. Il Pd chiede responsabilità a Berlusconi: deve fare un passo indietro dalla vita pubblica del Paese, per il bene del Paese".
 
Magari con un salvacondotto il Cavaliere ci potrebbe anche pensare…
"Assolutamente no. Berlusconi deve dimostrare in Tribunale di essere innocente. Noi non abbiamo nessun tipo di influenza sulla magistratura, ci mancherebbe altro. Certo non ci deve essere nessuna vendetta verso le sue aziende, che però devono sottostare alle leggi  come tutte le altre. Sulla giustizia e la legalità non possiamo abbassare la guardia. E' inconcepibile che per una visita fiscale si faccia una manifestazione fuori dal Palazzo di Giustizia a Milano".
 

ettore martinelli

Tra i punti del programma di Bersani ci sono proposte come il conflitto di interessi. Con queste premesse è improbabile che il Pdl ci stia…
"Il Pdl non si può nascondere dietro una foglia di fico. Se si è responsabili non si può fare un passo indietro davanti al conflitto di interessi. Ho paura che il Pdl faccia finta di essere responsabile solo per tutelare gli interessi del Cavaliere. Alle sue aperture ci abbiamo già creduto una volta, con la bicamerale, non possiamo rifare l'errore di D'Alema. Il Pd ha dimostrato invece di essere una forza responsabile. Se fossimo andati alle elezioni prima e non ci fosse stato il Governo Monti, ora Bersani sarebbe premier e avrebbe già iniziato a risolvere i problemi del Paese. E Grillo non sarebbe dov'è perché l'antipolitica avrebbe avuto quelle risposte che cercava e che Bersani sarebbe stato in grado di dare".
 
Con un governo Pd-Pdl Grillo griderebbe all'inciucio e prenderebbe ancora più voti, oppure no?
"Grillo può gridare quello che gli pare, ma un governo fatto così sarebbe un governo responsabile, non un governo dell'inciucio".
 
Berlusconi chiede al Partito Democratico di non eleggere un Presidente della Repubblica in autonomia, ma vorrebbe un uomo che provenga dal Centrodestra. E' un'apertura plausibile?
"Il Presidente della Repubblica deve essere super partes e deve essere eletto dal Parlamento in piena autonomia. Non può essere espressione di una sola parte politica. Confido nella saggezza dei parlamentari, che non hanno alcun vincolo di mandato".
 
Chi vorrebbe come Presidente della Repubblica?
"Vorrei vedere Valerio Onida. Come Presidente della Corte Costituzionale ha dimostrato di saper essere super partes nonostante abbia delle preferenze politiche. Ha corso per le primarie del centrosinistra  a Milano, ma lo ha fatto perché si è messo a disposizione di una città".

Commenti

    Tags:
    berlusconibersanipdpdlnapolitano
    
    i più visti

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.