A- A+
Politica
berlusconi condanna cassazione (6)

Voto palese su Silvio Berlusconi, senatore a rischio decadenza: la giunta per il Regolamento di Palazzo Madama stabilisce, a stretta maggioranza, che i pari del Cavaliere voteranno sul suo destino nel modo piu' trasparente possibile. Decisiva la posizione presa a riguardo da Linda Lanzillotta, di Scelta Civica, che ha spostato l'ago della bilancia nella direzione desiderata anche dal Pd, dopo che il deputato sudtirolese Karl Zeller aveva dato parere opposto. Alla fine sono sette i voti su un lato, sei sull'altro, e Berlusconi rischia concretamente un'uscita poco gloriosa dal Senato.

"Pagina buia per il diritto", commenta Renato Schifani. Ma piu' delle prese di posizione dei singoli esponenti del Pdl vale la reazione del diretto interessato. Che sarrebbe nientemento che infuriato.

Il Cavaliere, riferiscono fonti parlamentari del Pdl, avrebbe deciso di evitare di vedere a pranzo i ministri del suo partito. L'appuntamento era in programma da giorni, con al centro il confronto sulla legge di stabilita'. Ma la colazione di lavoro, confermata anche ieri da Berlusconi ad Alfano, non si terra'. "Il fatto e' che Berlusconi non ha piu' nulla da dire ai governativi", trapelada buone fonti. Riprendono in pieno le tensioni interne al centrodestra, anche perche' gli innovatori continuano a raccogliere le adesioni per il prossimo Consiglio nazionale. "Abbiamo - dice una colomba - quasi la meta' del partito". Di tutt'altra opinione i lealisti: "Abbiamo noi i numeri. Siamo tutti con Berlusconi, ora e' tempo che si schierino anche i ministri del Pdl".

I lealisti in realta' non sono contrari al voto palese: "Cosi' - hanno spiegato a Berlusconi - sara' chiaro chi si schiera con te e chi contro di te". Insomma, sara' decisamente una conta nella conta, quella che si terra' nelle prime settimane di novembre. A decidere il giorno esatto sara' la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. Luigi Zanda, presidente del gruppo del Pd, gia' si sbilancia: sara' una data "prossima. Abbiamo fatto passare gia' molto tempo". Passa la sabbia attraverso la clessidra e la politica si prepara all'ennesimo passaggio decisivo. Lo sa bene anche il premier Enrico Letta, che non a caso invita a tenere disgiunta la questione dalla tenuta del su governo.

Tags:
lettadenodecadenzaberlusconi

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.