A- A+
Politica
La legge elettorale passa alla Camera

Il nodo della legge elettorale è la partita più complicata che il neosegretario del Pd Matteo Renzi si accinge ad affrontare. La sua idea è quella di occuparsene personalmente, trattando con tutti e trovando un accordo al di fuori del perimetro della maggioranza. Mettendo così a rischio la sopravvivenza del governo. E non a caso gli alfaniani, coscienti del pericolo, hanno iniziato a mandarli segnali di apertura sulla proposta del "sindaco d'Italia".

Il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi torna oggi a Radio 24 a ribadire l'interesse del Nuovo centrodestra nei confronti del modello proposto dal segretario democratico: "La legge elettorale si deve fare, deve essere una legge bipolare e deve essere una legge che, come ha detto la Corte Costituzionale, ridia la possibilità ai cittadini di scegliere il proprio rappresentante. Bipolarismo subito, scelta da parte dei cittadini dei loro parlamentari, e abbiamo anche detto che siamo molto interessati all'ipotesi del modello Sindaco d' Italia".

Sull'altro fronte, anche Renato Brunetta apre a Renzi e rilancia la proposta di Silvio Berlusconi per un governo di scopo volto a cambiare la legge elettorale: "La riforma elettorale è incardinata al Senato - spiega il  capogruppo di Forza Italia in un'intervista al Corriere della Sera - Se quelli che vogliono un sistema maggioritario bipolare a Palazzo Madama - Grillo, Forza Italia, Pd, Sel - si mettono d'accordo, basta una settimana per cambiarla".

Riforma calendarizzata alla Camera. Intanto la commissione Affari Costituzionali della Camera ha calendarizzato la riforma della legge elettorale. Alle 14 il presidente Francesco Paolo Sisto ha illustrato le 21 proposte di legge già depositate e poi ha scritto alla presidente Laura Boldrini per informarla della calendarizzazione.

Secondo il capogruppo Pd in commissione Emanuele Fiano tutti i gruppi sono d'accordo sullo spostamento della riforma a Montecitorio: "Tutti i gruppi in commissione hanno concordato sullo spostamento della legge elettorale alla Camera. Sisto- spiega Fiano al termine della seduta- ha fatto la relazione sulle 21 proposte di legge che sono state depositate da inizio legislatura ma non si è aperto nessun dibattito sul contenuto dei testi, c'è stato invece un dibattito sulla volontà politica dei gruppi" di dare la delega alla Camera sulla materia elettorale. Ma l'iniziativa di Montecitorio, sottolinea l'esponente Pd, "non basta se anche al Senato tutti i gruppi" non concordano. "Una guerra istituzionale- aggiunge- non servirebbe" visto che un testo approvato alla Camera dovrebbe comunque poi passare a Palazzo Madama.

La palla passa adesso a Boldrini e Grasso. L'incardinamento della Riforma anche a Montecitorio, deciso stamane dall'ufficio di presidenza, serve per consentire ai presidenti di Camera, Laura Boldrini, e Senato, Piero Grasso, di poter avviare i contatti per concordare da dove far partire l'iter. L'articolo 78 del regolamento della Camera stabilisce infatti che "quando sia posto all'ordine del giorno di una commissione un progetto di legge avente un oggetto identico o strettamente connesso rispetto a quello di un progetto già presentato al Senato, il presidente della Camera ne informa il presidente del Senato per raggiungere le possibili intese".

Il Movimento 5 stelle, spiegano Danilo Toninelli ed Emanuele Cozzolino, ha già chiesto che la Camera avvii in ogni caso l'esame della riforma e confida "nella responsabilità di Boldrini portare la riforma a Montecitorio". A Palazzo Madama la legge elettorale invece è ferma nel comitato ristretto della commissione guidata da Anna Finocchiaro (già convocato per giovedì). Che ha risposto, infastidita, a quanti hanno avanzato l'ipotesi di trasferire tutto l'iter a Montecitorio: "Ma chi l'ha detto che qui non si fa più? - ha risposto ai cronisti all'uscita della commissione - Ci sarà un'intesa tra Camera e Senato".

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
legge elettoralecamera
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.