A- A+
Politica


Sul decreto legge Lavoro uscito dalla Commissione ci sarà la fiducia. E' la conclusione del vertice che si è tenuto a Montecitorio tra i ministri Boschi e Poletti e i capigruppo di maggioranza. Una decisione che alimenta la tensione nella maggioranza, dato che il documento è passato con soli quattro voti di scarto in Commissione Bilancio dove erano assenti i parlamentari Ncd, Scelta Civica e Udc mentre hanno votato contro Forza Italia, Lega e M5S. Il governo cerca invece di stringere i tempi perché il decreto va convertito entro il 19 maggio e, dopo il passaggio alla Camera, dovrà approdare in Senato. E nel vertice di maggioranza i ministri Boschi e Poletti hanno tentato una mediazione ma tra Pd e Ncd non si è raggiunto un accordo sulle modifiche: Ncd voleva modifiche sulle sanzioni per l'apprendistato e il Pd che scendesse da 5 a 4 il numero dei contratti a termine. Ma alla fine, come annunciato dalla capogruppo alla Camera Nunzia Di Girolamo, il sì arriverà ma "sarà battaglia al Senato". Posizione condivisa anche da Scelta Civica che subordina il suo ok alla necessità di correggere il testo a Palazzo Madama.
 
La contrarietà di Ncd e Scelta civica si era manifestata già stamattina quando, davanti all'ipotesi del governo di blindare il testo con la fiducia, gli esponenti dei due partiti minacciavano di non votarlo senza alcune modifiche. Ncd chiede, per voce del capogruppo al Senato, Maurizio Sacconi, il "ripristino sostanziale delle semplificazioni ai contratti a termine e di apprendistato, essenziali a incoraggiare la maggiore occupazione". Ma lo stop all'esecutivo è intimato anche da altri esponenti di primo piano del partito di Alfano: da Roberto Formigoni che ha definito "invotabile" il testo presentato in aula con gli emendamenti del Pd, fino a Nunzia De Girolamo secondo cui "solo un accordo nella maggioranza può consentire l'ulteriore iter del provvedimento". Di "maggioranza allo sbando" ha parlato invece Forza Italia e il capogruppo a Montecitorio, Renato Brunetta, ha chiesto che "si torni all'impianto originario" del provvedimento.
 
Sul decreto era intervenuto anche il ministro dell'Economia, Pier Carlo Padoan, che ha difeso il provvedimento voluto dal Governo: dalla riforma Fornero "le condizioni recessive sono peggiorate - ha detto - c'è una ripresa ancora fragile, anche se positiva, e questo stenta a tradursi in occupazione. Una riforma come quella presentata dal governo e portata avanti da Poletti accelera il beneficio in termini di occupazione della ripresa che si sta consolidando". Secondo l'inquilino di via XX Settembre con la riforma del mercato del lavoro cambierà il meccanismo di allocazione delle risorse anche per gli ammortizzatori. "Si tratta", ha aggiunto, "di cambiare il meccanismo attraverso cui si offre sostegno ai lavoratori". I soldi per rifinanziare gli ammortizzatori comunque, ha assicurato Padoan, "li troviamo".

 

Tags:
lavorogovernoncd
in evidenza
Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto

Sfilata da sogno e... da ridere

Diletta Leotta va in gol, da San Siro a Sanremo. Le foto


in vetrina
Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah

Gruppo FS: un totem al Binario 21 per ricordare le vittime della Shoah


motori
BMW accelera nella mobilità elettrica

BMW accelera nella mobilità elettrica

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.