A- A+
Politica

 

 

giorgia meloni

Primarie sì, primarie no. Il Pdl e il Centrodestra nel suo complesso sono di nuovo alle prese col tormentone della leadership, ora che quella di Silvio Berlusconi è quantomeno appannata. Chi ha le idee chiare è Guido Crosetto, coordinatore di Fratelli d'Italia, che ad Affaritaliani.it si dice assolutamente convinto della necessità di indire le primarie per sancire il futuro leader dell'intera coalizione.  L’ex sottosegretario dell’ultimo governo Berlusconi ha individuato anche il candidato giusto in Giorgia Meloni, giovane leader del suo partito. Lo stesso Crosetto, a metà agosto, aveva dato il via libera al ticket Tosi-Meloni, che proprio il sindaco di Verona aveva proposto. Insomma, per Fratelli d’Italia le primarie si devono fare a tutti i costi. Ma anche nel Pdl la questione è tornata di stretta attualità, soprattutto in vista della rinascita di Forza Italia. Si dice che la corrente vicina a Raffaele Fitto, i cosiddetti lealisti (tra cui figurano  Mara Carfagna, l'ex Guardasigilli Francesco Nitto Palma, Deborah Bergamini, Sandro Bondi e Renata Polverini) oltre ad essere a favore del congresso, starebbero pensando alle primarie per ostacolare la corsa di Angelino Alfano che lo stesso Berlusconi ha indicato come suo successore. 

Mariastella Gelmini, anche lei tra i lealisti, intervistata da Affaritaliani.it, non si sbilancia sull'opzione primarie anche se di fatto non la esclude: "Noi - premette l'ex ministro dell'Istruzione - abbiamo posto una questione diversa dopo la frattura che si è verificata nel Pdl. Chiediamo cioè l'azzeramento delle cariche e che la palla torni nelle mani di Berlusconi che è il garante del partito. Se così non fosse, crediamo ci debba essere una selezione della classe dirigente fatta in modo democratico attraverso il congresso. La questione delle primarie si porrà eventualmente quando ci saranno le elezioni. Ora non è un tema attuale".

Totalmente contrario alle consultazioni popolari è Altero Matteoli, senatore del Pdl e accreditato tra i mediatori tra le diverse anime del partito. Sempre ad Affritaliani.it spiega che "le primarie si fanno quando i partiti sono incapaci di decidere. Spero di far parte di un partito che non abbia bisogno di ricorrere alle primarie". E  frena su Angelino Alfano futuro leader di Forza Italia: "Berlusconi è il capo, non si parla di un altro quando c'è già lui". L’ex Ministro delle Infrastrutture si dice favorevole al congresso: "E’ importante, perché alla fine del confronto congressuale si sancisce l'unità".

Daniele Riosa twitter@DanieleRiosa

Tags:
pdlprimariemeloniberlusconi
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.