A- A+
Politica

Torna a piede libero Francesco Belsito, l'ex tesoriere della Lega Nord arrestato il 24 aprile del 2013 nella sua abitazione genovese su disposizione del gip di Milano per una ipotesi di associazione per delinquere, riciclaggio e truffa.Belsito era rimasto in carcere, a San Vittore, fino a giugno. Gli erano stati concessi gli arresti domiciliari nel giugno scorso. Oggi sono decaduti i termini della custodia cautelare e i suoi avvocati, Paolo Scovazzi e Sandro Vaccaro, confermano che da oggi l'ex cassiere del Carroccio, accusato di avere investito soldi pubblici destinati al partito in Tanzania, Cipro e Norvegia, e di altri affari illeciti, puo' lasciare la sua abitazione. Nell'aprile scorso erano stati colpiti da ordine custodiale per gli stessi reati anche Stefano Bonet, Romolo Girardelli e Stefano Lombardelli. Attualmente Belsito e' indagato dalle procure di Milano, Napoli e Reggio Calabria.

Tags:
belsitolega nord
in evidenza
Berardi ciliegina dello scudetto Leao deve 20 mln allo Sporting

Le mosse del Milan campione

Berardi ciliegina dello scudetto
Leao deve 20 mln allo Sporting

i più visti
in vetrina
Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane

Simest, la qualità a supporto della competitività delle esportazioni italiane


casa, immobiliare
motori
FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500

FIAT premia lo stile di guida ecosostenibile con la Nuova 500


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.