A- A+
Politica

Di Tommaso Cinquemani
 twitter@Tommaso5mani

Matteo Renzi è in campagna elettorale costante e lo si capisce dai numerosi interventi in tv e sui giornali. Sente che le elezioni non sono così lontane e vuole arrivare pronto all'appuntamento. Mercoledì ha voluto dissimulare la sua voglia di urne: "Il governo non è uno yogurt", ha detto, sottolineando che non esiste scadenza. Ma i movimenti in Aula delle sue 'truppe' ci raccontano una situazione differente. Il piano dei renziani si articola in due punti: evitare la 'clausola di salvaguardia' e modificare il regolamento delle primarie.

La conferenza dei capigruppo di mercoledì ha raggiunto un punto fermo: il Porcellum, così com'è, non può sopravvivere. Bisogna tornare al Mattarellum, oppure modificare la legge esistente. I lettiani spingono per una modifica dell'esistente con l'inserimento di una 'clausola di salvaguardia', ad esempio una soglia del 40% per il premio di maggioranza. Una norma che in un sistema tripolare come quello italiano condannerebbe il Paese all'ingovernabilità e quindi a nuove grandi coalizioni. La clausola blinderebbe il governo Letta e l'alleanza con Berlusconi. I renziani non vogliono aspettare anni prima di tornare in campo, e così spingono perché si ritorni al Mattarellum. Ma non ci sono solo loro: a spingere sono anche i dalemiani, i prodiani e i giovani turchi.

Il punto due è la modifica del regolamento delle primarie. Se Guglielmo Epifani ha confermato, senza troppo slancio, la volontà di scindere la carica di segretario da quella di candidato premier, è ancora da vedere quali saranno le regole delle primarie. Bisogna infatti decidere se le consultazioni saranno completamente aperte (come lo sono state per l'elezione di Bersani segretario) oppure se i votanti si debbano iscrivere in degli albi entro due settimane dalle consultazioni, firmando una carta d'intenti. I renziani sarebbero per l'ipotesi uno. Lo scopo è quello di allargare al massimo la base, attingendo voti anche ad aree non tradizionali, al centro, ai delusi dei 5Stelle e degli ex berluscones. Un bacino che i 'vecchi' leader del Pd non sanno come sedurre, ma che il sindaco di Firenze ha dato prova di conoscere molto bene.

Tags:
legge elettoraleprimarierenzi
in evidenza
Noemi-Totti, le voci di un bebè Misteriosa trasferta in yacht

La nuova fiamma - FOTO

Noemi-Totti, le voci di un bebè
Misteriosa trasferta in yacht


in vetrina
ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders

ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders


casa, immobiliare
motori
Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile

Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.