A- A+
Politica
grillo mps
"La responsabilità del dialogo riguarda tutti, che si voglia o no". Niccolò Biondi, un giovane universitario fiorentino, aspirante filosofo col libretto pieno di 30 e lode, sceglie Affaritaliani.it, piazza aperta al confronto, per lanciare un appello politico, quasi un documento generazionale, ai 'compagni' del Movimento 5 Stelle. "Avete dimostrato una rabbia politica ed una passione per il rilancio di questo Paese senza eguali. La polemica e la protesta sono necessarie, ma non bastano, il cambiamento richiede anche il momento della costruzione propositiva. E questo momento è arrivato".
 

La lettera

Ho 21 anni, sono uno studente universitario ed un elettore del Partito Democratico.

Vi chiedo di leggere questa lettera, per intero, senza pregiudizi: eventuali giudizi potrete emetterli dopo aver letto l'ultima riga, ed anzi: vi prego di farlo, vi prego di riflettere sulle mie parole e di dire cosa pensate al riguardo.

Su tutti noi, a prescindere dal credo politico e dal movimento/partito votato, incombe un destino comune: l'Italia si gioca, con questa legislatura, le ultime chances di sopravvivenza come paese democratico e civile. Questo destino non investe soltanto coloro cui abbiamo delegato la nostra rappresentanza, ma tutti quanti, cittadini operai e cittadini dirigenti, studenti e professori, gestori di bar e venditori porta a porta. E' un destino comune, che troppo spesso, presi dalle polemiche elettorali, dimentichiamo: e così finiamo per innalzare dei muri tra di noi, muri che ci crollano addosso non appena il terremoto delle conseguenze si abbatte sulla società intera.

Questo destino comune ci chiama, tutti quanti, ad una grande responsabilità: la responsabilità del dialogo. Dobbiamo riabituarci a discutere, a parlare di qualsiasi tema senza preconcetti: dobbiamo tornare a considerare ognuno di noi come fatto della stessa carne e dello stesso sangue, come portatore delle medesime esigenze politiche e degli stessi bisogni immediati: dobbiamo tornare a concepire ciascuno di noi come appartenente alla stessa collettività, collettività che ha impegni comuni ed è esposta alle medesime conseguenze.

Dobbiamo riabituarci a dialogare, senza muovere da punti che consideriamo fissi e di cui abbiamo certezza assoluta: soltanto in questo modo potremo tornare a camminare sul sentiero che conduce ai progetti collettivi, alle soluzioni condivise, e di qui al benessere della collettività.

La responsabilità del dialogo riguarda tutti, che si voglia o no. La responsabilità del dialogo riguarda tutti, che se ne sia consapevoli o no. Di questa responsabilità dobbiamo farci carico, ognuno nella propria (piccola o grande che sia) sfera di esistenza quotidiana: con i propri familiari, con i propri vicini, con i propri colleghi di lavoro (per chi, un lavoro, lo ha), ma soprattutto nei luoghi della rappresentanza politica. Soltanto di qui passa la strada per un nuova Italia. Io, nel mio piccolo, scrivo questa lettera: sperando di smuovere qualcosa nell'intimo di ciascuno di voi.

Queste sono considerazioni che coinvolgono tutti, ovviamente: elettori di centrodestra (di cui, purtroppo, in questi anni dobbiamo constatare la mancanza morale e civile), elettori di centrosinistra, elettori del Movimento 5 Stelle. Ma riguardano soprattutto voi appartenenti al Movimento 5 Stelle (non mi piace chiamarvi, "grillini", come fanno in molti: trovo che sia un termine dispregiativo, mentre al contrario ognuno di voi ha una testa ed una capacità critica autonoma): voi che avete dimostrato una rabbia politica ed una passione per il rilancio di questo Paese senza limiti e senza eguali. Proprio voi che siete animati da questo impeto e che avete reso possibile un cambiamento radicale della società italiana, dovete sentire sulla vostra pelle il peso della responsabilità che ci accomuna.

Questi sono giorni di fuoco. In queste settimane si deciderà il futuro del Paese: e per la prima volta, da venti anni a questa parte, in parlamento c'è una maggioranza di eletti che ha come fine primario il rilancio economico, sociale e morale dell'Italia. E non parlo soltanto degli eletti del PD e di SEL, attenzione: parlo dei parlamentari del PD, di SEL e del M5S insieme.

Molto spesso sono piovute critiche sul vostro modo di condurre la campagna elettorale, senza un dibattito dialettico, e sugli slogan principali: "tutti a casa", "siete tutti uguali". Sono critiche che in parte condivido, e che mi hanno portato a votare per un partito che muove da istanze politiche molto simili alle vostre ma che è basato su una maggiore dialettica democratica. Ma su questo spenderò poche parole: vi basteranno 5 minuti di riflessione per notare non solo le differenze che intercorrono tra persona e persona, ma anche tra i vari schieramenti politici. Questa consapevolezza, delle differenze che esistono (perché esistono!), è un percorso di riflessione individuale: non passa attraverso la persuasione altrui, e perciò su questo non spenderò altre parole, perché il punto che mi preme è un altro.
 

BersaniVendola3

Il punto che mi preme affermare è questo: dobbiamo tornare a concepire noi stessi non come appartenenti ad una fazione politica, ma come cittadini che condividono le stesse esigenze e gli stessi bisogni. In parlamento, è vero, si fronteggiano parlamentari del PD-SEL e parlamentari del M5S: ma chi, in realtà, si fronteggia, siamo io e voi, voi del Movimento 5 Stelle e noi votanti/militanti di PD e SEL. Siamo noi, noi tutti, che ci guardiamo negli occhi: non poche centinaia di deputati e senatori, ma milioni di cittadini che hanno la stessa difficoltà ad arrivare a fine mese, che soffrono l'aria resa irrespirabile da 20 anni di malgoverno di Berlusconi, che sentono dentro di sé una profonda voglia di rinnovamento, che passa su temi condivisi: lotta alla corruzione, alla illegalità, all'evasione fiscale, e così via.

Quando affermate che "tutti sono uguali", riferendovi ai vostri avversari politici, probabilmente cogliete nel segno un aspetto del malgoverno degli ultimi decenni: ma chi avete davanti a voi, in questo momento, siano essi parlamentari di PD-SEL o cittadini qualunque, condividono con voi la stessa volontà di cambiamento.

Bersani ha "tratto il dado": vi ha consegnato la possibilità di collaborare ad un progetto di cambiamento e di rinnovamento radicale. E, attenzione: non è Bersani che lo ha fatto, ma i milioni di elettori di Italia Bene Comune che la pensano in questo modo. Nessuno di noi vuole "governissimi", ma collaborare con chi ha la voglia di rinnovare. Questo lo dovete avere ben chiaro: i milioni di cittadini che hanno votato PD e SEL vi stanno tendendo una mano, per camminare insieme nel sentiero della rinascita civile e sociale.

Elettori del Movimento 5 Stelle, siete chiamati ad una grande, grandissima responsabilità: se scegliere di proseguire nella strada della contrapposizione polemica, che ha fatto la vostra fortuna e che certo vi porterà a crescere ancora, o decidere di collaborare, in una posizione di forza, perché così ha deciso il voto.

Ognuno di voi rifletta in piena autonomia, ma rifletta: dalla vostra decisione come singoli passa non soltanto la decisione del vostro movimento, ma il destino dell'Italia. Dovete essere fieri di essere investiti di questa responsabilità: voi avete la possibilità di decidere il futuro di questo paese, se indirizzarlo verso un default finanziario e riconsegnarlo ad una destra arraffona e corrotta, oppure decidere di rinnovare radicalmente il sistema insieme a chi vi ha porto la mano, condividendo con voi le stesse esigenze.

Quando parlo di collaborazione, non siete voi che collaborate con noi, o noi con voi: ma noi, tutti quanti, milioni di votanti PD-SEL e M5S, che lavorano insieme (cos'altro è il significato di "collaborazione", se non questo?).

La polemica e la protesta sono la necessaria "pars destruens" di ogni grande cambiamento. Ma non bastano, il cambiamento richiede anche il momento della costruzione propositiva. E questo momento è finalmente arrivato. A voi la scelta.

Grazie dell'attenzione, cordiali saluti

Niccolò Biondi

Tags:
grillom5spdbersani
in evidenza
"Io e Massara senza contratto Poco rispettoso da Elliott..."

Milan, Maldini attacca

"Io e Massara senza contratto
Poco rispettoso da Elliott..."

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler

Scatti d'Affari
Design Week 2022: per la prima volta le creazioni del lighting designer Entler


casa, immobiliare
motori
Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze

Peugeot E-Rifter, il multispazio elettrico adatto a differenti esigenze


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.