A- A+
Politica
Lettera a Delrio, ecco come rilanciare il Sud


Di Eduardo Cagnazzi

Partire da logistica e trasporti per rilanciare il Mezzogiorno. Quest'area del Paese ha perso tra il 2008 e il 2013 il 13,3% del proprio Pil, il 33% degli investimenti e 600mila posti di lavoro, mentre autorevoli associazioni economiche ipotizzano una migrazione di 4 milioni di residenti nei prossimi quarant'anni. Oltre alla desertificazione industriale ed alla mancanza di investimenti, la concausa di questa situazione va ricercata anche nel sistema dei trasporti e della logistica che al Sud risultano essere amplificati rispetto a tutto il resto della Penisola. L'allarme è formulato da Sipotra, società italiana di politica dei trasporti, in una lettera inviata al sottosegretario Graziano Delrio.  Il documento prende in esame alcune proposte operative che potrebbero invertire la tendenza in atto: la creazione  di una macroregione capace di superare i localismi auto referenziali, il co-finanziamento pubblico dei servizi di mobilità, nuovi investimenti ed interventi di manutenzione ai sistemi di gestione del traffico di ferrovie, strade, porti ed aeroporti ed infine l'introduzione di sistemi di trasporto di massa più rapidi nei centri metropolitani.  Secondo l'organismo romano dei trasporti, solo il 18% delle relazioni tra i capoluoghi di regione del Sud sono oggi serviti da un collegamento diretto tramite aereo o ferrovia, contro il 50% del Nord ed il 67% del Centro Italia, mentre nel segmento merci, il gabarit delle gallerie delle principali linee ferroviarie dai porti ed interporti del Mezzogiorno non consente il transito di semi-rimorchi su carri Poche standard. E, come se non bastasse, se i container marittimi su carri pianali standard non possono transitare sulle linee siciliane, da Gioia Tauro verso Nord devono attraversare la Sila per immettersi sul corridoio Jonico- Adriatico.  Sipotra individua i limiti del sistema dei trasporti e della logistica meridionale. Essi dipendono principalmente dalla mancanza di una programmazione unitaria su scala nazionale coordinata con quella europea, dalle limitate capacità di pianificazione delle regioni, titolari di quote significative dei fondi per investimenti provenienti dall'Unione Europea; dalla poca trasparenza ed assenza di metodi di valutazione indipendenti nelle scelte sia programmatiche sia relative alle singole soluzioni progettuali. Le proposte presentate al Sottosegretario Delrio riguardano pertanto la creazione di una macro-regione con l'intento di superare i tanti "localismi" auto-referenziali. "La programmazione nazionale (quando c'è) e quelle regionali -si legge nella lettera- sono troppo spesso liste di opere incoerenti fra loro, che non colgono le opportunità derivanti dalle sinergie di sistema e dalle economie di scala, mentre le proposte di progetto risultano il più delle volte prive di valutazioni effettuate con metodi di analisi riconosciuti dall'Unione Europea ed in alcuni casi in contraddizione con le proposte di intervento già approvate nell'ambito delle reti TEN". È quindi centrale, secondo Sipotra, ricondurre l'intero Paese e di conseguenza il Mezzogiorno, nell'ambito europeo, definendo scelte infrastrutturali trasparenti e condivise, non facilmente modificabili con  singoli atti di governo a livello nazionale e regionale, recuperando una pianificazione nazionale strategica dei trasporti e della logistica disegnata per un orizzonte di lungo periodo, sulla falsariga di quanto fanno da tempo  l'Ue e tutti i grandi Paesi europei e superando quindi definitivamente la prassi della Legge Obiettivo.
 

Tags:
delrio
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia

Claudia Romani attaccante di sfondamento: 4 gol (foto da urlo!) per l'Italia


casa, immobiliare
motori
Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio

Ford ed Herme testano i veicoli a guida autonoma per le consegne a domicilio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.