A- A+
Politica
beppe grillo 500 2

Assemblea infuocata tra i senatori 5 stelle sul caso 'parentopoli'. In oltre tre ore ci sono state scintille tra gli eletti 5 stelle riuniti a Palazzo Madama. Urla, accuse e polemiche hanno acceso la riunione dei senatori grillini che, secondo quanto si apprende, si e' concentrata sul caso di Barbara Lezzi e Vilma Moronese, entrambe 'sotto accusa' per avere assunto come assistenti dei parenti: la Lezzi ha assunto la figlia del compagno e la Moronese ha assunto il proprio compagno. Entrambe le senatrici si sono difese, con toni molto accesi, sostenendo di non aver violato alcuna regola dal momento che i due compagni non sono conviventi. Ma su questo punto molte le repliche piccate di chi e' sposato: "Allora devo divorziare per poter assumere anch'io la mia compagna?", ha chiesto sarcastico un senatore 5 stelle. La senatrice Moronese e' stata vista uscire in lacrime dalla riunione.

L'assemblea ha dibattuto per due ore sull'opportunita' di andare in diretta streaming. Ma alla fine si e' votato per il no e c'e' chi accusa Claudio Messora, responsabile comunicazione M5S, di averlo impedito con tanto di mail rivolta a tutti i senatori. "Questa volta niente streaming, cosi' diamo un'immagine negativa" avrebbe scritto. E cosi' e' andata. La richiesta dello streaming era stata avanzata da Luis Alberto Orellana che voleva discutere di "strategie politiche del Movimento" che e' al quarto punto dell'odg da tempo, ma anche stavolta non si arrivati a parlarne. Poi la riunione e' proseguita con scambi di accuse e sono volati gli stracci. Tanto che ad un certo punto la capogruppo Paola Taverna ha deciso di andar via per dedicarsi al lavoro sulla mozione di sfiducia alla Cancellieri.

Nel corso dell'assemblea una senatrice ha chiesto "trasparenza" ed un'altra ha risposto contrattaccando sul fronte delle spese rendicontate: "Ma come si fa a spendere 1.800 euro per spese di abbigliamento? Allora si' chiedo trasparenza anch'io, cosi' si infrange il Regolamento". Un'altra senatrice, accorata, ha urlato: "Non intendo crocifiggere nessuno ma non si puo' continuare su questa strada. Qui continua un clima vessatorio e ricattatorio, lo trovo disgustoso e avvilente. Qui c'e' doppiezza".

E un'altra senatrice rivolgendosi ad un collega, lo ha apostrofato: "Vergogna, siamo finiti sui giornali per colpa tua". Un senatore 5 stelle ha chiesto: "ma e' possibile che qui dentro dobbiamo sempre attaccarci?". La Taverna ha parlato di "ipocrisia che sta da piu' parti". Un senatore ha cercato di riportare la calma: "Cerchiamo di non farci del male. Non massacriamoci. Cosi' diamo un'immagine sbagliata del Movimento". L'assemblea alla fine non ha deciso come comportarsi in futuro per evitare nuovi casi di 'parentopoli' anche se qualcuno aveva chiesto regole certe per evitare nuove discussioni. Il dibattito, quindi, resta aperto.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
portaborsem5sfidanzato
in evidenza
Ciclone al Sud, sole al Nord Il meteo divide l'Italia in due

Come sarà il weekend

Ciclone al Sud, sole al Nord
Il meteo divide l'Italia in due

i più visti
in vetrina
Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


casa, immobiliare
motori
Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni

Mercedes SLK festeggia ad ‘Auto e Moto d’Epoca’ i suoi 25 anni


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.