A- A+
Politica


Di Alberto Maggi

Prima Borghezio. Poi Boso. Nel giro di pochi giorni due esponenti leghisti della prima ora hanno vomitato il loro razzismo sulla ministra nera (e non di colore, come vuole essere chiamata) Kyenge. Si può non essere d'accordo sulla cancellazione della Bossi-Fini o sulla cittadinanza ai figli degli immigrati - infatti anche molti del Pdl non sono d'accordo - ma attaccare una persona per il suo colore della pelle e per la sua origine, africana in questo caso, è solo e soltanto razzismo. Nessuna giustificazione politica. Maroni ha minacciato l'espulsione di Borghezio e usa toni certamente più sobri e assolutamente accettabili. Ma il nuovo corso del Carroccio, quello che si è liberato del dio Po e dell'ampolla padana (oltre che dei figli di Bossi e delle loro spese con i soldi del movimento), deve una volta per tutte arrivare a un chiarimento: si vuole veramente fare della Lega la Csu italiana rappresentando gli interessi della macro-regione del Nord, come dicono Tosi e lo stesso Maroni? Bene. Interessante. Ma bisogna liberarsi delle figure impresentabili come Borghezio e Boso. Subito. Altrimenti ogni operazione di maquillage nasconderà sotto la faccia pulita di molti leghisti per bene il razzismo inaccettabile che abbiamo visto in queste ore.

@AlbertoMaggi74
 

Tags:
maroni
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni

Scatti d'Affari
Air France-KLM, firmata partnership commerciale strategica di 10 anni


casa, immobiliare
motori
Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati

Al Villa D’Este debutta la Mostro Barchetta Zagato Powered by Maserati


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.