A- A+
Politica
Massimo Fini: "Mattarella? Il simbolo di un'Italia vecchia e conformista"

"Mattarella? E' uno che quando c'era la Dc non toccava mai palla". Lo scrittore Massimo Fini (in uscita il 12 febbraio con Marsilio il suo ultimo libro Una vita - Un libro per tutti. O per nessuno) non si accoda agli elogi per il nuovo Presidente della Repubblica. E dice la sua su Quirinale, Patto del Nazareno e Grillo in un'intervista ad Affaritaliani.it.

Massimo Fini, come giudica la scelta di eleggere Sergio Mattarella per il Quirinale?

In un momento in cui c'è un totale discredito della politica la decisione di prendere un politico della vecchia Democrazia Cristiana non mi sembra proprio il massimo, sia pure se si tratta di una seconda linea. Sì, perché Mattarella quando esisteva la vera Dc non toccava palla... Significa che non hanno avuto il coraggio di prendere qualcuno al di fuori della solita vecchia logica politica. D'altra parte Renzi fa politica da quando ha 22 anni e ha riproposto, sotto nuove forme, il vecchio trucco di questo sistema politico.

Le è piaciuto il discorso in Parlamento?

Il discorso che ha fatto in Parlamento è un buon discorso. Peccato che si sia soffermato così tanto sulla corruzione, indicandola come il problema prioritario, ma che tra gli invitati ci fosse anche un condannato. L'ho trovata un'incongruenza.

Perché Renzi ha scelto Mattarella?

Per accontentare Berlusconi avrebbe probabilmente preferito Amato. Il problema è che Amato era indigeribile per gli italiani, se non altro perché tutti ricordano che entrò come un topo di fogna nelle banche e nei nostri conti correnti. Mattarella invece è una figura che non lo metterà in ombra, e quindi a Renzi, che è un piccolo Berlusconi e una primadonna, gli va benissimo.

Ma a Berlusconi quanto può piacere Mattarella, vale a dire uno di coloro che si opposero alla celeberrima Legge Mammì che consentì alle tv private di continuare a esistere?

Il vero interesse di Berlusconi non era il Quirinale ma ciò che gli ha promesso Renzi, vale a dire la restituzione dell'agibilità politica. E' questo il vero nocciolo del Patto del Nazareno e a Berlusconi preme soprattutto questo. Renzi gliela ridarà con quella legge salva-Berlusconi sulla frode fiscale.

Gli applausi a Mattarella sono stati unanimi. Come mai?

Come successo con Napolitano, al momento opportuno la classe politica si ricompatta. Ora dunque c'è questo peana per Mattarella, che è un peones, perché la classe politica si mette a difesa della propria cittadella. Il tutto mentre da fuori arrivano segnali molto inquietanti e Grillo, fino a prova contraria, è il primo partito.

Parlando di Grillo, poteva fare qualcosa di diverso?

E' stato un testone, ha perso una grande occasione. La stessa cosa era successa con l'elezione bis di Napolitano, quando avrebbe dovuto andare da Bersani e proporre Prodi. Il Pd non avrebbe potuto dire di no. Allo stesso modo stavolta ha proposto Imposimato fino alla fine invece di provare a spaccare il Pd proponendo di nuovo Prodi. Si è condannato a non toccare palla. Grillo è vittima di un eccesso di coerenza. Per non tradire è stato un pollo.

Non solo la politica ha applaudito unanime. Anche l'opinione pubblica si è praticamente subito unita in un coro di elogi...

E' il solito vizio italiano di correre in aiuto del vincitore, che in questo caso non è Mattarella ma Renzi. Giornali e tv l'hanno capito e si sono accodate. E' un vizio tanto brutto quanto antico. Ricordo che quando crollò la Prima Repubblica sotto i colpi delle inchieste giudiziarie subito tutti i giornali abbandonarono Craxi & company e Di Pietro divenne l'idolo nazionale. Ricordo un editoriale di Mieli intitolato "10 domande a Tonino"... Poi le cose sono cambiate perché la classe politica si è ricompattata. Comunque quello che è accaduto sarà fastidioso per lo stesso Mattarella, uno che sì ha fatto politica ma che non ha mai contato nulla.

Che tipo di presidente sarà Mattarella?

Come la funzione fa l'organo così la carica può cambiare il carattere delle persone. Così come lo vediamo oggi non dovrebbe contare granchè. Certo, essendo un costituzionalista non credo che possa far passare leggi totalmente illiberali, come invece è successo in tutti questi anni. Ma è questo è più che altro un augurio...

@LorenzoLamperti

Iscriviti alla newsletter
Tags:
massimo fini
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022

Jeep presenta Wrangler 4xe Model Year 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.