A- A+
Politica
Giorgia Meloni va al potere senza abiure, al contrario di Fini

L'endorsement di Fini a Meloni e il suo significato politico

 

Grandi ambasce tra giornalini e giornaloni di sinistra per l’endorsement di Gianfranco Fini a Giorgia Meloni. Qualche giorno fa l’uomo della svolta di Fiuggi che fu il suo segretario ha infatti tenuto una conferenza stampa nella sede della stampa estera. Un'uscita inaspettata, soprattutto per il parterre internazionale presente.

Fini ha voluto rassicurare il mondo che la Meloni “non è fascista” e che ha “votato la svolta di Fiuggi”. Sembrano considerazioni scontate ma non è così soprattutto perché tra Fini e Meloni ci sono state tre fasi.

Nella prima l’ex segretario di Alleanza Nazionale vide delle indubbie qualità nella leader giovanile e la volle addirittura ministro della gioventù in un governo Berlusconi.

Poi ci fu la rottura tra i due quando Fini ruppe anche con Berlusconi con il famoso “che fai, mi cacci?” e di qualche giorno fa invece il ricongiungimento non certo smentito dalla prossima presidente del Consiglio. E neppure si può pensare che Fini abbia fatta questa mossa semplicemente per pietire qualche posto di governo (e non sarebbe possibile) o di sottogoverno (non sarebbe decente). L’endorsement di Fini ha probabilmente un significato ancor prima che politico ideologico. E cioè, per l’ex presidente della camera, si deve essere trattato di un rispettabile travaglio intellettuale.

Per lui, come per Achille Occhetto autore della “Fiuggi di sinistra” e cioè della svolta della Bolognina, si tratta di percorsi evolutivi considerevoli.

Il fascismo come il comunismo sono stati due profondi fenomeni storici che hanno deflagrato “il secolo breve”, per dirla alla Hobsbawm. Due eventi traumatici che poi si sono dovuti istituzionalizzare, che hanno avuto una durata precisa, venti anni per il primo e settanta per il secondo e, soprattutto, che hanno avuto e avranno degli strascichi. La fase della normalizzazione istituzionale è fisiologica, ma implica un maggiore o minore grado di cedimento rispetto alla visione primeva e ideale. Per governare, infatti, ci vuole più pragmatica che filosofia, più burocrati che pensatori.

Ed in genere è questa la fase in cui i movimenti rivoluzionari perdono consensi e si trasformano; il segreto però è nel non trasformarsi nell’esatto opposto e quindi - mentre è fondamentale per una destra moderna criticare le leggi razziali e l’alleanza con Hitler - non per questo poi ci deve essere l’abiura totale quella che portò, per intenderci, a far dire a Fini in Israele che il “fascismo è stato il male assoluto”.

Ma non perché non possa essere vero, ma perché poi perdi completamente il consenso dei tuoi e quella che stai facendo non è più una semplice e fisiologica trasformazione, ma si tratta invece di una amputazione. E se a Fini si dà contezza della inevitabile svolta di Fiuggi, nel contempo, gli si rimprovera un sospetto sovvertimento valoriale che i più smaliziati possono interpretare per opportunismo politico.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fdifinimeloni





in evidenza
Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce

La coppia più famosa del giornalismo

Fagnani in crisi con Mentana? L’indizio rivelatore che incuriosisce


in vetrina
Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024

Fuorisalone, la guida di Affari agli eventi della Milano Design Week 2024


motori
Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Fiat: Partner di Torino Capitale della cultura d’impresa 2024

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.