A- A+
Politica
Mes, il Pd non arretra. Si va verso la conta in Parlamento
(fonte Lapresse)

Sul Mes il Pd non molla. Non arretra di un centimetro. Le parole del presidente del Consiglio Giuseppe Conte che in conferenza stampa domenica sera ha, di fatto, liquidato la possibilità che l'Italia chieda i fondi del Meccanismo Europeo di Stabilità per le spese sanitarie hanno irritato i Dem con il segretario Nicola Zingaretti che è uscito allo scoperto ("Non si può liquidare con una battuta") affermando che "va discusso in Parlamento". E infatti, secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it, il Pd si prepara a dare battaglia in Aula in piena sintonia con Italia Viva. Saranno probabilmente i renziani a presentare una risoluzione che impegni l'esecutivo a utilizzare i soldi del Mes (mossa già annunciata anche da Forza Italia) per arrivare a un voto chiaro in Parlamento.

La risoluzione verrà poi condivisa e appoggiata anche dai Dem, con la convergenza degli azzurri berlusconiani, di +Europa e di una parte di Liberi e Uguali. Numeri alla mano, il M5S, la Lega e Fratelli d'Italia hanno la maggioranza per bocciare la richiesta di accedere al Meccanismo Europeo di Stabilità, ma il Pd punta sull'ala governista dei pentastellati, maggioritaria alla Camera e al Senato, che fa capo a Luigi Di Maio e ad Alfonso Bonafede per arrivare al via libera. A quel punto, se così fosse, il premier non potrà che prendere atto del voto del Parlamento. Dai 5 Stelle, a parte di duri e puri no-Mes, prendono tempo e al momento non si esprimono in modo definitivo. Resta il fatto che sul Mes questa volta il governo rischia davvero una clamorosa frattura. Renziani ma soprattutto Dem non intendono "assolutamente" fare marcia indietro.

Commenti
    Tags:
    mes governo
    in evidenza
    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    verso un mondo più sostenibile

    Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

    i più visti
    in vetrina
    Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate

    Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate


    casa, immobiliare
    motori
    Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

    Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.