A- A+
Politica
Ingroia

La terza commissione del Csm ha rigettato la richiesta di aspettativa di Antonio Ingroia. L'ex candidato premier di Rivoluzione civile non potrà presiedere la società di tributi Riscossione Sicilia, così come aveva annunciato il governatore Rosario Crocetta. Il ruolo di presidente della Riscossione Sicilia però non sarebbe compatibile con il collocamento fuori ruolo.

In passato il Csm si era espresso su richieste di autorizzazione dei magistrati a ricoprire incarichi dirigenziali nelle Asl, all'Agenzia delle Entrate o presso Authority. E in più di un'occasione la risposta era stata negativa. In questi casi si tratta di una valutazione discrezionale del Csm: l'autorizzazione a un magistrato a lavorare in un altro ente viene data solo quando l'incarico è occasione di un accrescimento professionale del magistrato e quando c'è anche un interesse dell'amministrazione della giustizia che - nel caso di semplice collocamento fuori ruolo, a differenza di quanto accade con l'aspettativa - continua a corrispondergli lo stipendio, oltre a garantirgli il mantenimento dell'originario rapporto di servizio, anche sotto il profilo della progressione della carriera.

L'altro ieri Ingroia aveva sottolineato la "linea di continuità" del nuovo ruolo con la sua esperienza di magistrato a Palermo, ricordando che in passato "la riscossione delle imposte era in mano al sistema mafioso", e evidenziando le "opacità e anomalie" emerse negli ultimi tempi e denunciate da Crocetta. Ma i più critici con l'ex pm di Palermo al Csm si chiedevano se effettivamente ci sia un interesse dell'amministrazione della giustizia rispetto a un ruolo di "esattore" che verrebbe svolto peraltro nello stesso territorio in cui Ingroia per anni è stato procuratore aggiunto. E c'è stato pure chi fa notare che l'istanza di fuori ruolo per poter essere esaminata dal Csm dovrebbe avere il visto del ministro della Giustizia, che in questo caso non c'è; un problema che invece non si porrebbe per la richiesta di aspettativa.

Qualche malumore a Palazzo dei marescialli è stato legato anche alla tempistica: Ingroia, la cui aspettativa elettorale è scaduta l'11 marzo scorso, ha fatto avere la sua nuova richiesta al Csm solo l'altro ieri, alla vigilia della pronuncia del plenum, sulla proposta di due settimane fa della Terza Commissione di farlo tornare in servizio e destinarlo al tribunale di Aosta.

"Non sussiste nel caso di specie l'interesse dell'amministrazione della giustizia". Questa la motivazione alla base della decisione della terza commissione del Csm di non accogliere la richiesta di Antonio Ingroia di essere collocato in aspettativa per assumere l'incarico di presidente di riscossione Sicilia.

Secondo palazzo dei Marescialli, dunque, l'incarico che Crocetta aveva offerto all'ex procuratore aggiunto di Palermo non ha nulla a che vedere con le funzioni di magistrato, mentre fra i presupposti per concedere l'aspettativa o il fuori ruolo, vi e' anche quello per cui l'incarico da ricoprire deve essere in qualche modo attinente con l'amministrazione della giustizia. Dunque, secondo la commissione, non ricorrono i presupposti per autorizzare l'aspettativa di Ingroia, anche "in linea con analoghi precedenti". La commissione ha anche deliberato di inviare a Ingroia il preavviso di rigetto della sua richiesta.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ingroiacsm
in evidenza
Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

Corporate - Il giornale delle imprese

Risolvi il tuo Debito: aiutate più di 300 mila persone in 12 anni di attività

i più visti
in vetrina
Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali

Agiter Investigazioni, come funzionano le indagini private e aziendali


casa, immobiliare
motori
Kia svela la nuova generazione della Niro

Kia svela la nuova generazione della Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.