A- A+
Politica
Nomine, Salvini teme che Meloni gli stia preparando una trappola sulla siccità
Foto LaPresse

Nomine, la Lega vuole un Ad di peso ma la premier decide da sola

Il governo ha avuto ieri alla Camera il primo vero momento di crisi interna. Meloni ha capito subito che in Aula, mentre lei parlava in vista del Consiglio Ue del 24 e 25 marzo, non c'era nessun ministro della Lega. È toccato a Stefano Candiani, per un giorno frontman della Lega alla Camera, - si legge su Repubblica - lanciare l’allarme a metà mattinata con una telefonata a Salvini: "Matteo, qui non ci sono ministri, dobbiamo rimediare". Giorgia Meloni si era già seduta nello scranno più alto del governo e attorno a sé, come nel giorno precedente, non aveva trovato alcun leghista. E non l’aveva presa affatto bene, trasmettendo la sua irritazione ai fedelissimi che a loro volta avevano lanciato un tam tam nella maggioranza. Di lì a poco sarebbero arrivati di gran corsa Giuseppe Valditara e, solo più tardi, Roberto Calderoli e Alessandra Locatelli. Pericolo scampato, almeno in parte. In realtà, dietro la distanza leghista sui temi di politica internazionale, ci sono le frizioni sulle nomine ai vertici delle partecipate di Stato che hanno determinato uno situazione di stallo.

Dopo la riunione di martedì fra i leader (Meloni, Tajani, Salvini, Giorgetti), - prosegue Repubblica - la scelta è stata quella di aggiornarsi alla settimana prossima. In sostanza, un passaggio interlocutorio, e nessuna decisione presa. La Lega vorrebbe la guida di almeno uno dei quattro maggiori enti: Eni, Enel, Terna, Leonardo. Ma la trattativa è difficile: Meloni non mette neppure in discussione la riconferma di Claudio Descalzi alla guida dell’Eni, mentre pensa a uno spostamento di Stefano Donnarumma da Terna all’Enel, ipotesi poco gradita a Salvini. Le tensioni, in questi giorni, hanno riguardato anche la scelta del nuovo supercommissario per l’emergenza siccità: la Lega si è prima opposta alla creazione di una figura unica, poi ha accettato la proposta di FdI solo in cambio della facoltà di indicarne il nome. Salvini vuole capire se dietro all'idea di essere nominato lui commissario ci sia una trappola.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
governonomine





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini


motori
DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

DS Automobiles svela la Collection Antoine de Saint-Exupéry

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.