A- A+
Palazzi & potere
Banche popolari, la riforma Renzi a rischio Consulta

Sotto le banche popolari sono state piazzate tre bombe a orologeria. Che rischiano di assestare un altro colpo al sistema di questi istituti. Si tratta della prossima sentenza della Corte costituzionale sulla riforma Renzi, della pesante situazione di illiquidità delle stesse banche determinata anche da una direttiva della Consob e del momento sempre più delicato che sta coinvolgendo la Banca Popolare di Bari, scrive Repubblica.

Il primo colpo, allora, si può verificare già a marzo. In piena campagna elettorale o subito dopo il voto. Proprio nella fase in cui, con ogni probabilità, non si sarà ancora formato il nuovo governo. I giudici della Consulta si esprimeranno sul ricorso presentato dal Consiglio di Stato contro una parte della riforma varata dall' esecutivo Renzi che obbliga a trasformare in Spa le banche popolari che superano la soglia di 8 miliardi di patrimonio. In particolare, l'oggetto del contendere si concentra sulla legittimità della disposizione che impone un limite piuttosto robusto al diritto di recesso. Ossia alla possibilità del socio della popolare di esercitare il diritto di "uscita" - dopo la conversione in Spa - senza poter ottenere il rimborso delle proprie azioni.

L'eventualità che la Corte possa accogliere in toto o in parte il ricorso, non viene affatto considerata irrealistica. Anzi. In quel caso, però, verrebbe compromesso uno dei capisaldi della riforma.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
banche popolariconsultaconsiglio di stato
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna

ŠKODA KAROQ: il SUV boemo di grande successo si aggiorna


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.