A- A+
Palazzi & potere
Cazzullo vs Giovanardi; durissimo botta & risposta

"Caro Cazzullo, Lei ha scritto che i senatori guadagnano quattro volte tanto un chirurgo, io Le ho dimostrato, invece, rendendo pubblici i miei cedolini di indennità e competenze, che guadagnano uguale, fra i 5 e i 6 mila euro per 12 mensilità, documentandoLe le spese che se ne vanno per collaboratori, affitti eccetera. A questo punto Lei ha rilanciato, tirando in ballo non so perché Razzi, sostenendo che guadagniamo più della Merkel: Le ho dimostrato, documenti tedeschi alla mano, che la Merkel ha un guadagno netto tre volte superiore più un super vitalizio, e Lei di nuovo ha riesumato i dati sulle competenze dei senatori che non c'entrano nulla con il netto realmente percepito. In più alla fine ha buttato la palla in tribuna chiedendo retoricamente se il mio lavoro di ministro, sottosegretario, parlamentare (e quello del senatore Razzi) ha giovato di più agli italiani di quanto abbia giovato quello della Merkel ai tedeschi. A questo punto mi sembra corretto che siano i lettori a giudicare". Così parlò Carlo Giovanardi in una lettera pubblicata dal Corriere della Sera. Ma ecco la replica di Aldo Cazzullo: "Non è vero che i senatori italiani guadagnino un terzo della Merkel, ma non è questo il punto. Mi pare incredibile che una persona della Sua intelligenza non si renda conto di quanto sareste più credibili se decideste in autonomia non un maquillage, ma una riduzione drastica di indennità, rimborsi, privilegi; oltre ovviamente a ridurre il numero dei parlamentari, record mondiale dopo i cinesi che però sono quasi un miliardo e mezzo. Lo so che il bilancio dello Stato non dipende da questo. Ma Lei all'evidenza non ha idea di quanto sia il discredito della classe politica, quanta la distanza con i cittadini. Potrei pubblicare decine di lettere che lo provano. L'altro giorno un lettore mi ha scritto: 'Io pagherei volentieri metà di quel che guadagno per comprare allo Stato un macchinario che serve a salvare un bambino; ma non intendo pagare lo stipendio di un senatore'. Quel lettore sbaglia: la democrazia ha i suoi costi. Ma mi creda, senatore, sta sbagliando anche Lei".

Tags:
cazzullogiovanardicorriere della serastipendi senatoriparlamento





in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream

Ferrero, arriva anche il gelato Nutella: scoppia già la mania per l'ice cream


motori
Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Stellantis: lancia i software per una mobilità del futuro

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.