A- A+
Palazzi & potere
C'è chi dice no! Bisi non darà gli elenchi alla Bindi
"Ho scritto una lettera alla presidente Bindi, in cui dico perché non daremo gli elenchi degli iscritti al Grande Oriente d'Italia". Questo ha detto Stefano Bisi, Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, ascoltato oggi dalla commissione parlamentare Antimafia, in merito all'inchiesta sul presunto caso di cyberspionaggio, che vede al centro dell’inchiesta i fratelli Giulio e Francesca Occhionero, accusati di aver carpito con attacchi informatici dati e informazioni di migliaia di persone. Per Bisi rendere noti "i nomi dei 28mila fratelli sarebbe un reato", visto che "la legge sulla privacy, approvata dal parlamento, tutela i dati sensibili, come l'appartenenza a una comunione massonica". La commissione Antimafia, aveva chiesto a Bisi di fornire gli elenchi degli iscritti al Goi, che non sono mai stati consegnati.
Tags:
bisibindipoliticainternet
in evidenza
Gregoraci lascia la casa di Briatore Racconto in lacrime sui social

Costume

Gregoraci lascia la casa di Briatore
Racconto in lacrime sui social

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Honda svela la nuovo generazione di HR-V

Honda svela la nuovo generazione di HR-V


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.