A- A+
Palazzi & potere
Pd, parte la fronda ulivista: pronti a lasciare Bindi, Cuperlo e Monaco
Al grido di «così si uccide il Pd», è emersa una vera e propria fronda ulivista volta a stroncare sul nascere i conati, veri o presunti, e soprattutto non si sa quanto realizzabili, di futuribili accordi post elettorali fra Renzi e Berlusconi, scrive il Messaggero.

Gli altolà sono autorevoli, riguardano i fondatori del Pd, portano i nomi squillanti di Romano Prodi e Walter Veltroni, seguiti da Rosy Bindi e da altri. Ma se i fondatori, premier ed ex vice dell' Ulivo, non minacciano fuoriuscite dal partito che pure hanno fondato (Prodi ricorre alla metafora «la mia tenda è vicina al Pd, ma se va con Berlusconi la sposto»; Veltroni ricorda che con il proporzionale finisce il senso stesso del Pd), diverso il discorso per Bindi, Monaco e Cuperlo.

Tags:
pdbindicuperlomonaco
in evidenza
Giulia Pelagatti... a tutto sport Talisa Ravagnani, ex star di Amici

Striscia la Notizia, sexy veline

Giulia Pelagatti... a tutto sport
Talisa Ravagnani, ex star di Amici

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Volvo C40 Recharge ispira anche una collezione fashion

Volvo C40 Recharge ispira anche una collezione fashion


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.