A- A+
Palazzi & potere
Philip Morris dichiara guerra al fumo: “In futuro non venderemo più sigarette"
MIELI - SIDOLI - LUCHETTI 

Da qui ai prossimi anni il principale avversario del fumo sarà uno dei più importanti produttori al mondo di sigarette. Ospite agli Incontri di Paolo Mieli al Festival dei Due Mondi di Spoleto, il presidente e amministratore delegato di Philip Morris Italia, Eugenio Sidoli, ha annunciato una battaglia che suona paradossale. “I fumatori nel mondo – ha detto Sidoli - sono più di un miliardo, in leggero aumento. 6 milioni di persone muoiono ogni anno per malattie correlate al fumo. Noi non possiamo non sentirci in parte responsabili di questo. La comunità scientifica non può sognare nient’altro che una cessazione totale del fumo e noi sosteniamo chiunque decida di smettere. Ma per chi non intende abbandonare completamente il consumo di tabacco, è essenziale poter garantire alternative con un profilo di rischio potenzialmente più basso. Vogliamo fortemente un mondo senza fumo e crediamo che queste alternative svolgano un ruolo fondamentale in questa visione”.

Philip Morris ha infatti sposato la causa della riduzione del danno e ha studiato prodotti alternativi per chi non ha alcuna intenzione di smettere. “Abbiamo venduto fumo per 150 anni e da vent’anni abbiamo cominciato a studiare i fattori di rischio. Non è la nicotina il problema delle sigarette: la nicotina, che genera il piacere del fumo, non è cancerogena. Il problema è la combustione, che dà vita a molti composti tossici”. In Italia, e poi in altri 40 mercati, Philip Morris ha dato vita alla sperimentazione di un prodotto senza fumo, Iqos, che riscalda il tabacco senza che ci sia combustione. L’obiettivo è una vera “conversione di massa”, una transizione che è già cominciata e sta producendo risultati straordinari. “Il paese dove il prodotto ha più successo è il Giappone, in cui il 17% dei fumatori si è già convertito. In Italia siamo vicini al 2%, con una performance in continua crescita. Il Giappone arriverà molto prima di noi alla cessazione della vendita delle sigarette, ma noi puntiamo in un margine di anni non lungo a dare vita a un mondo interamente senza fumo”.

Eugenio Sidoli è arrivato al vertice di Philip Morris senza aver mai fumato in vita sua. “Faccio parte di quell’80% delle persone che non hanno questa abitudine ed è un vantaggio, perché posso capirne meglio le ragioni. Da padre, vorrei che mio figlio non avesse mai cominciato a fumare. Se potessi decidere di farlo smettere domani, lo farei. Se non vorrà farlo, sarei molto più sereno se passasse a un prodotto come Iqos”.

Sempre agli Incontri di Paolo Mieli, Starace, amministratore delegato di Enel, ha confessato il suo punto di vista sul nucleare. “La politica energetica italiana è facile: abbiamo votato due volte per uscire dal nucleare e conserviamo ancora cinque centrali a carbone, che chiuderemo. Io ho votato per uscire dal nucleare entrambe le volte. La riflessione sul nucleare andava fatta nel tempo: a molti è sembrata una scelta ipocrita, ma oggi non abbiamo il problema di dover decidere cosa fare di queste centrali. Il nucleare non era una scelta economica, era una scelta politico-strategica”.

Mario Oliverio, presidente della Regione Calabria, ha detto la sua all’indomani della resa dei conti del suo partito: “Non solo Renzi. Anche gli altri leader del Pd devono essere rimpiazzati da una nuova generazione di dirigenti. Io farò la mia parte per aiutare questo ricambio. Non sono stato mai renziano, ma devo dire con onestà intellettuale che Renzi è stata un’occasione sprecata, perché a un certo punto aveva messo la marcia giusta per un processo innovativo”.

FESTIVAL DEI 2MONDI 2018: GLI INCONTRI DI PAOLO MIELI

Innovazione, cultura, sostenibilità, territorio, internazionalizzazione, futuro. Sono diversi i temi trattati dall'edizione 2018 degli Incontri di Paolo Mieli, il format concepito da Hdrà, gruppo di comunicazione guidato da Mauro Luchetti e Marco Forlani, che ha presentato al sessantunesimo Festival dei 2Mondi l’ormai consolidata rassegna di conversazioni condotte dal grande storico e giornalista. Agli Incontri di Paolo Mieli 2018 sono stati protagonisti personaggi legati alle istituzioni, alle aziende, al cinema, alla cultura e allo spettacolo: Gabriele Muccino, Ennio Fantastichini, Claudio Cerasa, Francesco Starace, Mario Oliverio, Carlo Freccero, Paola Cortellesi, Marco Travaglio, Raffaella Carrà, Franca Leosini ed Eugenio Sidoli.

Con Mieli negli ultimi quattro anni hanno dialogato grandi personalità a beneficio di un pubblico sempre più numeroso: protagonisti del mondo della politica e delle istituzioni (da Walter Veltroni a Raffaele Cantone, da Marianna Madia a Roberta Pinotti, da Beatrice Lorenzin a Luigi Di Maio, da Vincenzo Boccia a Marco Minniti), del mondo delle imprese (tra gli altri Marco Patuano, Carla Fendi, Guido Brera, Antonio Campo Dall’Orto, Ilaria Dallatana, Catia Tomasetti), della cultura e dello spettacolo (Cesare Cremonini, Pif, Marco Giallini, Francesca Reggiani, Adriana Asti, Edoardo Albinati, Emanuele Trevi, Niccolò Ammaniti, Sandro Veronesi, Edoardo Nesi, Aldo Cazzullo, Lilli Gruber, Pierluigi Battista, Pietrangelo Buttafuoco e molti altri). Novità del 2018 è la sede dell’evento: Palazzo Collicola Arti Visive, che garantisce una maggiore capienza ed è il contesto ideale per parlare di innovazione, cultura e futuro.

Tags:
festival dei 2mondi 2018paolo mieli
Loading...
in evidenza
Ronaldo addio, CR7 in quota Psg Tonali-Milan: arriva la Juventus

Calciomercato news

Ronaldo addio, CR7 in quota Psg
Tonali-Milan: arriva la Juventus

i più visti
in vetrina
Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...

Raffaella Fico, mostra il doppio "punto di vista" (le foto). E Wanda Nara...


casa, immobiliare
motori
Jeep Gladiator: il pick-up da off-road

Jeep Gladiator: il pick-up da off-road


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.