A- A+
Palazzi & potere
Provenzano sanguinario capomafia ma anche abile uomo dell'altro ‘Stato’

Di Antonio Ingroia, Presidente Azione Civile

Bernardo Provenzano è morto senza aver mai parlato, senza aver mai accettato di raccontare la verità sulla lunga stagione di sangue, di tradimenti, di patti scellerati di cui è stato protagonista. Non il solo, ma uno dei principali sicuramente sì. Perché Provenzano non è stato soltanto un sanguinario capomafia, è stato anche un abile uomo dello Stato, di quell’altro Stato che volle la trattativa e che per salvare se stesso non si fece scrupoli di stringere accordi con Cosa Nostra macchiandosi insieme ad essa di delitti e stragi. Uno Stato doppio, che in pubblico fingeva di combattere la mafia ma in privato trattava con i suoi capi. Provenzano è stato furbo, ha saputo cogliere questa debolezza e si è messo in bilico tra la Mafia e lo Stato. Un equilibrista di grandi capacità nel vivere tra questi due mondi, non a caso è potuto sfuggire alla cattura per 43 anni. Non mi stupirei se qualcuno pensasse oggi che meriti funerali solenni, funerali di Stato...

Come indiscusso boss mafioso ci sono stati due Provenzano, complementari più che diversi: il Provenzano 'u tratturi, detto così per la facilità con cui spianava, uccidendoli, i propri avversari, interni ed esterni alla mafia, e il Provenzano ‘ragioniere’, così soprannominato in quanto raffinato stratega mafioso che sapeva usare la violenza ma anche le arti della diplomazia bellica e della politica. Entrambi hanno sulla coscienza tante donne e uomini innocenti, vittime della violenza mafiosa. Ma lo Stato, quell’altro Stato, non è meno colpevole, avendo a sua volta sulla coscienza tante donne e uomini uccisi per proteggere Provenzano, come Attilio Manca, giovane medico che dopo aver operato l’allora capo di Cosa Nostra a Marsiglia è stato eliminato proprio perché quella rete di protezione non fosse scoperta.

Troppi misteri con la morte di Provenzano non troveranno mai verità e giustizia. Misteri di mafia e misteri di Stato che il boss custodiva da anni e che purtroppo non ha mai voluto svelare. Li porta con sé nella tomba, lasciando una lunga scia di sangue. Di sicuro c’è chi da oggi si sentirà più tranquillo...

Tags:
provenzano capomafia chi era





in evidenza
Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso

Boutique eleganti, collaborazioni costose e... L'analisi

Il grande salto compiuto da Zara: dal fast fashion al mondo del lusso


in vetrina
Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore

Matilde Gioli dimentica l'ex Marcucci: l'attrice ha trovato un nuovo amore


motori
CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

CUPRA oltre l’automotive, nasce la partnership con la 37a Louis Vuitton America’s Cup

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.