A- A+
Palazzi & potere
Rai, tutte le novità sullo stipendio di Fabio Fazio: ecco quanto guadagna

a scelta di mandare su Rai2 "Che tempo che fa" fu di Fabrizio Salini. E’ lui che, nel pieno della tempesta e delle polemiche salviniane contro il conduttore savonese ebbe l’idea di spostare il programma sulla seconda rete. Una scelta fatta contro tutti e contro tutti, scrive Dagospia: il programma, già spostato da Rai3 a Rai1, aveva sempre suscitato polemiche, oltre che politiche, anche per gli ascolti. Figurarsi ora che bisognava di nuovo spostarlo, addirittura su Rai2. E poi c'era il tema della riduzione dei compensi, cavallo di battaglia grillino. Di quanto, dunque, sono stati tagliati gli emolumenti a Fabio Fazio? Non si è mai saputo con certezza anche se ora Dagospia è finalmente in grado di svelare l'arcano: c'è stato un taglio del 15% allo stipendio, senza attendere la scadenza naturale del contratto che avverrà tra due anni. Il taglio dello stipendio, infatti, è già in vigore.

Intanto, sempre secondo quanto Dagospia è in grado di rivelare, è stata recentemente inviata dall'Ad Fabrizio Salini una circolare a tutti i direttori, strutture e società controllate, dove, sulla base  dei suggerimenti dell'Anac (l'autorità anticorruzione) si stabiliscono le nuove linee guida per il personale. In particolare, ed è questa la notizia, il periodo massimo d’incarico  per manager e top manager non potrà superare gli 8 anni. Nella circolare, a pagina 4 si parla di "rotazione necessaria a cui corrisponde un limite massimo di permanenza del titolare nella medesima posizione organizzativa stabilito in 8 anni". Insomma, in Rai non si potrà stare per più di otto anni nella stessa posizione. Ed a viale Mazzini è subito scattato il totonomi perché più di un personaggio altamente blasonato avrebbe superato questo limite (sono almeno 4 o 5 quelli che sulla base di queste nuove disposizioni rischiano di dover mollare l'incarico...).

Nel frattempo, continua Dagopsia, Salini non molla la sua battaglia contro la deriva cronachistica di mamma Rai. Dopo aver già fatto trapelare nei giorni scorsi, come raccontano le gole profonde del settimo piano di viale Mazzini,  profonda irritazione per alcuni contenuti, Salini è intervenuto al Wired Next Fest di Firenze. "Il piano industriale della Rai è approvato, sta procedendo (confermando così le Dagoanticipazioni sul Mise dei giorni scorsi) e porterà a una trasformazione radicale.

Rai e il sistema Paese hanno bisogno di una media company che inizia a produrre e ragionare mettendo il contenuto al centro, superando l'idea sorpassata di ragionamenti verticali". Poi l'affondo: "Dobbiamo allontanarci da alcuni modi di proporre e raccontare il reale, l'insistenza eccessiva e forte sulla cronaca nera e il crimine. Su questo dobbiamo migliorare e cambiare". Chissà a quanti saranno fischiate le orecchie...

Commenti
    Tags:
    raifabio fazioche tempo che faraiduedagospiafabrizio salini





    in evidenza
    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    Annuncio col giallo

    Elodie va in gol: San Siro e al Maradona, ma è mistero sui manifesti. Date e indizi

    
    in vetrina
    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani

    Pepsi, ristorante temporaneo in Duomo a Milano: atmosfere vintage e gusti americani


    motori
    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    FIAT Professional, arriva il cambio automatico AT8 sul nuovo Ducato

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.