A- A+
Palazzi & potere
Report: l'Italia nelle mani di Silvio Berlusconi

La grande domanda ha avuto una prima risposta, scrive Libero. Cosa succede se al referendum del 20 e 21 settembre, come prevedono i sondaggisti, vincono i favorevoli al taglio dei parlamentari, e a seguire i giallorossi approvano una legge elettorale proporzionale, col chiaro intento di sabotare la vittoria del centrodestra alle prossime elezioni? Succede che Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia, se mantengono i consensi attuali, conquistano comunque la maggioranza dei seggi, sia alla Camera sia al Senato. E quindi, volendo, potrebbero governare insieme. Ci riescono per poco, con un margine esiguo. Eppure ce la fanno. La simulazione l'hanno condotta quelli dell'istituto Cattaneo, che di queste cose se ne intendono.

A ogni lista hanno attribuito la media delle intenzioni di voto nei sondaggi fatti ad agosto, secondo cui la Lega è il primo partito, scelto dal 25,8% degli elettori. Seguono il Pd con il 20,3% e i Cinque Stelle inchiodati al 15,8%. Una tacca più sotto ci sono i Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni, al 14,8%, e parecchio più giù Forza Italia, col 6,5%. Quindi Azione di Carlo Calenda, Italia viva di Matteo Renzi e la lista di ultrasinistra (Leu+La sinistra), tutte sul 3%. Nulla da fare per +Europa, data all'1,5% e dunque, se corre da sola, fuori dal prossimo parlamento. Hanno diviso questi consensi su base regionale, ricalcando la distribuzione uscita lo scorso anno dalle urne per le Europee. Dunque hanno provato a vedere cosa accadrebbe in due ipotesi: se la nuova legge escludesse dal parlamento le liste che ottengono meno del 5%, come prevede la proposta attuale, e se tale soglia fosse abbassata al 3%, come vorrebbero i renziani e gli altri partitini di sinistra, che ne fanno una questione di sopravvivenza.

Il risultato, concludono gli studiosi, è che in ambedue le ipotesi i tre partiti di centrodestra «avrebbero una risicata maggioranza di seggi sia alla Camera che al Senato (tra il 51% e il 55%)». Determinante risulterebbe quindi Forza Italia, che, pur indebolita, «potrebbe controllare una quota di parlamentari decisiva per la formazione di un governo di centrodestra. E questo varrebbe sia alla Camera che al Senato».

Loading...
Commenti
    Tags:
    reportforza italiasilvio berlusconi
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuova 500 3+ 1 prezzi da 31.900 euro per la Passion

    Nuova 500 3+ 1 prezzi da 31.900 euro per la Passion


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.