A- A+
Politica
Pd, fronda (renziana) al Senato. "Letta sbaglia". I nomi di chi contesta
Enrico Letta 
Lapresse

"Letta sbaglia. Con battaglie identitarie, come lo Ius Soli e la tassa di successione, il Pd resta inchiodato tra il 18 e il 20%". La critica al segretario dem, apprende l'Adnkronos, arriva dall'assemblea del gruppo al Senato dove è andata in scena stamattina una piccola 'fronda'. Tra gli interventi quelli di Andrea Marcucci, Gianni Pittella, Stefano Collina, Salvatore Margiotta. La riunione, convocata per l'analisi di una ricerca Youtrend sul posizionamento del Pd, è diventata l'occasione per mettere nero su bianco alcuni appunti alla linea del segretario, in giornate in cui si fa crescente il pressing dell'ala riformista dem per riallacciare i ponti con la galassia centrista, da Renzi a Calenda, e per rafforzare l'identità Pd nella chiave di "una nuova vocazione maggioritaria".

Quest'ultima tra i temi centrali del Manifesto Riformista presentato ieri sera dall'area Guerini-Lotti. Parte l'ex-capogruppo Marcucci: "Il Pd deve tornare ad essere incisivo ed attrattivo. Basta con le bandiere identitarie, che non possono essere approvate in questo Parlamento, tipo tassa di successione, voto ai 16enni, Ius soli e Mattarellum. Vanno portate avanti battaglie riformiste, per rilanciare l'Italia, adesso. Draghi è il nostro Presidente del Consiglio, non distinguiamoci per farci dire sempre no. Con questo approccio, iniziamo il confronto con le forze liberal democratiche, senza dimenticare il possibile rapporto con il M5S''.

E poi Gianni Pittella che definisce un "errore esiziale" quello del segretario Letta di portare avanti "battaglie identitarie" che non allargano il consenso del Pd. "Ho la netta percezione che Letta stia lavorando per confermare e consolidare il nostro elettorato storico progressista attraverso battaglie identitarie e non abbia ancora mostrato capacità espansiva verso chi non ci vota. Aggiungo persino scoraggiando l'elettorato moderato che potrebbe guardare con interesse al nostro progetto", ha detto Pittella alla riunione del gruppo, a quanto apprende l'Adnkronos. Per il senatore Pd si tratta di "un errore esiziale che rinnega la capacità espansiva che è stato il segno distintivo del Pd fin dalle sue origini: unire i riformismi e darsi un orizzonte maggioritario e di governo, non identitario di opposizione".

Una riflessione che riguarda anche "il perimetro della coalizione. Pensiamo il nostro destino sia un matrimonio a sinistra con i 5Stelle e Leu, in cui non è neanche detto sia il Pd la parte centrale e moderata dato il profilo che leadership di Conte potrebbe dare al nuovo partito? Oppure riteniamo questa convergenza non esaustiva e pensiamo vada costruito un fronte di forze moderate sul modello di quello che ha dato vita alla maggioranza parlamentare europea a sostegno della Presidente von der Leyen?". Alle osservazioni dei senatori ha replicato la capogruppo Simona Malpezzi che, a quanto si riferisce, ha difeso la linea del segretario Letta 'emancipandosi' dai suoi colleghi di area, tutti di Base Riformista, che oggi sono intervenuti nella riunione al Senato. L'invito della presidente è stato quello di preoccuparsi di costruire intanto contenuti e poi di pensare agli schieramenti, confermando che il posizionamento del Pd non cambia: baricentro di una possibile coalizione, che guarda a tutti gli interlocutori senza preclusioni verso nessuno.

Commenti
    Tags:
    pd senato fronda letta
    in evidenza
    Gioiello di Pessina, Galles ko Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

    Euro 2020, super Italia

    Gioiello di Pessina, Galles ko
    Ma ora è incubo Belgio di Lukaku

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti

    Nuova Tiguan Allspace, aperti gli ordini del suv a sette posti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.